Menu Content/Inhalt
Home Page arrow News dal Vaticano arrow Benedetto XVI all’Angelus del 31 gennaio: Fare tutto il possibile per far crescere l’occupazione
Benedetto XVI all’Angelus del 31 gennaio: Fare tutto il possibile per far crescere l’occupazione PDF Stampa E-mail

Benedetto XVI all’Angelus del 31 gennaio: Fare tutto il possibile per far crescere l’occupazioneBenedetto XVI, davanti agli operai della Alcoa di Portovesme, e con un esplicito riferimento anche agli operai di Termini Imerese, chiede “fare tutto il possibile per tutelare e far crescere l'occupazione, assicurando un lavoro dignitoso e adeguato al sostentamento delle famiglia”.  L’appello di Benedetto XVI fa seguito a quello dei vescovi italiani che, al termine del Consiglio Permanente, che non si erano detti insensibili “al grido” che giunge dalle famiglie che prima avevano un lavoro e ora si trovano per strada. Di fronte al dramma dei licenziamenti, la Chiesa non è rimasta a guardare: la pastorale della Giustizia e del Lavoro della Diocesi di Napoli ha scritto una lettera all’ad Fiat Marchionne per chiedergli di riassumere gli operai a Pomigliano d’Arco; la Chiesa siciliana ha espresso con forza solidarietà ai lavoratori di Termini Imerese; e monsignor Atzei, vescovo di Sassari, è stato presente durante le proteste dei lavoratori dell’Alcoa. I quali ieri, muniti di elmetto, erano presenti ... 

...   all’Angelus in Piazza San Pietro, dove hanno steso uno striscione con la scritta: “Alcoa Portovesme”. Benedetto XVI dedica l’Angelus anche a loro. “La crisi economica – dice - sta causando la perdita di numerosi posti di lavoro, e questa situazione richiede grande senso di responsabilità da parte di tutti: imprenditori, lavoratori, governanti. Penso ad alcune realtà difficili in Italia  come, ad esempio, Termini Imerese e Portovesme”.

Benedetto XVI, quindi, si associa “all'appello della Conferenza Episcopale Italiana, che ha  incoraggiato a fare tutto il possibile per tutelare e far crescere l'occupazione, assicurando un lavoro dignitoso e adeguato al sostentamento delle famiglie".

Non è la prima volta che il Papa fa un appello del genere. Il riferimento più forte è contenuto proprio nell’enciclica sociale Caritas in Veritate, firmata il 29 giugno dello scorso anno, nella quale sfida il mondo a “garantire a tutti l'accesso al lavoro, e anzi: a un lavoro decente. Bisogna rafforzare e rilanciare il ruolo dei sindacati, combattere la precarizzazione e - a meno che non comporti reali benefici per entrambi i Paesi coinvolti - la delocalizzazione dei posti di lavoro". Papa Ratzinger non negava, nell’enciclica,  che, in linea di principio, la “delocalizzazione, quando comporta investimenti e formazione, possa fare del bene alle popolazioni del paese che la ospita". Ma, ricordava poi, "non è lecito delocalizzare solo per godere di particolari condizioni di favore, o peggio per sfruttamento”.

Ma già nel 2007, nel messaggio indirizzato alla Settimana Sociale dei Cattolici, Benedetto XVI aveva fatto un forte appello contro la precarietà nel mondo del lavoro, collocabile – aveva detto- tra le "emergenze etiche e sociali", "in grado di minare la stabilità della società e di compromettere seriamente il suo futuro". La "precarietà del lavoro", denunciava il Papa, non permette ai giovani di costruire una famiglia, con la conseguenza che “lo sviluppo autentico e completo della società risulta seriamente compromesso”.

Andrea Gagliarducci

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 52931
Notizie: 2798
Collegamenti web: 36
Visitatori: 168152187

Feed Rss