Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Santi e Angeli arrow San Vincenzo Ferreri e l'Angelo della città di Barcellona
San Vincenzo Ferreri e l'Angelo della città di Barcellona PDF Stampa E-mail

San Vincenzo Ferreri e l'Angelo della città di BarcellonaSan Vincenzo Ferreri nacque a Valencia nel 1378. ordinato sacerdote nel 1378, quando scoppiò lo scisma d’Occidente con le due sedi pontificie di Roma e di Avignone, egli, in buona fede, si schierò con il papa illegittimo; ma fu sempre comunque pieno di zelo, predicando in varie nazioni, affinché si ristabilisse l’unità della chiesa. Il santo parlava in madrelingua castigliana, ma tutti lo comprendevano nella propria. Fu un grande predicatore e una guida spirituale molto pratica. Una volta venne da lui a chiedere consiglio una donna sposata: “ Padre, ditemi come devo fare con mio marito, sempre violento appena apro bocca…”. San Vincenzo le diede una boccetta piena di acqua, dicendole: “ E’ un’acqua preziosa questa; appena tuo marito accenna ad infuriarsi, bevetene un buon sorso e tenetela in bocca finchè non si sia calmato…”.  La vita del sacerdote domenicano spagnolo S. Vincenzo Ferreri è legata al mondo angelico. Egli stesso, a livello iconografico, viene assai ... 

...   spesso rappresentato come un angelo vestito da domenicano, con le ali dietro le spalle e una tromba in mano. Questo perché un giorno durante una predica in cui commentava il passo dell’Apocalisse  “ Poi vidi un altro angelo che volando in mezzo al cielo recava un vangelo eterno da annunziare agli abitanti della terra e ad ogni nazione, razza, lingua e popolo. Egli gridava a gran voce: Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l'ora del suo giudizio”  ( Ap. 14, 6-7)  affermò di esser lui  l’angelo di cui parlava il libro sacro ed esortò i suoi uditori a dare gloria all’Altissimo perché  il Suo Giudizio  non era un avvenimento poi tanto lontano. Fra Vincenzo era un uomo e non un angelo ma sentì quel giorno di esserlo perché sentì improvvisamente data a sé una funzione che Dio dà ad alcuni angeli, in genere appartenenti al coro degli arcangeli, quella di annunciare grandi eventi.  Personalmente devoto agli Angeli custodi, suo e delle persone che incontrava egli non perdeva occasione di magnificare dinnanzi ai fedeli la missione benefica loro affidata e di invitare caldamente a corrispondervi con gratitudine e docilità; e raccomandava caldamente la recita dell’invocazione Angelo di Dio, affermando che chi si lascia guidare dal suo angelo custode non smarrisce la propria strada. 

Dio volle esortarlo un giorno ad aver devozione anche agli Angeli custodi delle città e delle nazioni. S.Vincenzo era un predicatore itinerante ed aveva ricevuto inconsapevoli aiuti nelle suo peregrinare da questi Angeli. Le cronache narrano che stando un giorno per  entrare a piedi insieme a un gruppo di fedeli  nella città di Barcellona per ammaestrarne gli abitanti si fermò improvvisamente davanti alla porta della città detta allora Puerta del Orbs o Puerta Els e guardando in alto disse in dialetto catalano: Angel de Déu ¿Qué fas aquí? Che fai qui Angelo di Dio?  Dopo un po’, come se avesse ricevuto una risposta soddisfacente, era entrato in Barcellona attraverso la Porta. A chi  gli chiedeva che cosa avesse visto e con chi avesse parlato raccontò di aver visto un grande Angelo con una spada nella mano destra e una corona regale nella mano sinistra che aveva  affermato, sempre in dialetto catalano, di esser l’ Angelo protettore di Barcellona per ordine dell’Altissimo che gli avrebbe dato aiuto. Dobbiamo credere che da allora S.Vincenzo non entrò più in nessuna città europea senza salutarne prima l’Angelo protettore. Gli abitanti di Barcellona, saputa la visione di S.Vincenzo, ribattezzarono subito  Puerta del Orbs  Puerta del Angel. 

Nel 1466 fu costruita presso di essa una cappella contenente una statua dell’Angelo di Barcellona. Oggi non esistono nè la Porta nè la cappella. Il professore Antonio Adinolfi nella sua relazione sull’iconografia angelica al meeting sugli angeli del 2010 a Campagna (Sa), parla di  tre xilografie che raffigurano  la visione di S.Vincenzo che sono state riportate su tre cartoline con annullo filatelico nel 1966 in occasione dell’ XI esposizione filatelica e numismatica di SAINTS-HOSTAFRANCS (che è un nuovo quartiere di Barcellona) per ricordare il V centenario della costruzione della cappella. In esse l’Angelo vi appare maestoso. In due di esse dalla bocca di S.Vincenzo esce scritta la domanda che fece all’angelo, dalla bocca dell’Angelo la sua risposta. Nel  Museo della Cattedrale di Barcellona – precisa il prof. Adinolfi - c’è un retablo quattrocentesco di Jaime  Huguet in cui si vede l’angelo custode di Barcellona insieme non a S. Vincenzo Ferreri ma al sacerdote francescano italiano S.Bernardino da Siena.

Come mai? Il prof. Adinolfi lo  spiega col fatto che S. Bernardino conobbe da giovane S. Vincenzo quando questo predicava in Piemonte. Lo andò ad ascoltare ad Alessandria. Il Ferreri vedendolo tra la folla dei suoi uditori disse con accento profetico:  "Io torno ad evangelizzare la Francia e la Spagna perché c'è tra voi un frate Minore ( N.B. Bernardino non era ancora frate)  che predicherà per tutta l'Italia la parola di Dio come non si è mai sentito". Canonizzato nel 1450, Bernardino fu raffigurato da Jaime Huguet pochi anni dopo insieme all’Angelo di Barcellona. Bernardino ha la stesso atteggiamento  con cui sarà raffigurato Vincenzo Ferreri canonizzato dopo Bernardino: libro sacro aperto nella mano sinistra, braccio destro alzato e  indice della mano destra che indica il cielo. L’Angelo di Barcellona di Huguet  ha una tunica candida con una sottile stola incrociata sul petto ed è coperto da un elegantissimo mantello sui cui bordi, che gli scendono dai polsi, sono ricamate verticalmente figure di santi. Nella mano destra ha la spada ma nella sinistra ha uno scudo crociato e non una corona come aveva nell’apparizione a S. Vincenzo. E’, nello stesso tempo, un angelo sacerdote e un angelo-guerriero.

Il Ferreri morì a Vannes in Francia nel 1419, egli è il protettore dei predicatori e dei costruttori e lo si invoca contro l’epilessia, contro i fulmini e i terremoti. 

Don Marcello Stanzione

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 52455
Notizie: 2785
Collegamenti web: 36
Visitatori: 163976716
Abbiamo 6 visitatori online

Feed Rss