Menu Content/Inhalt
Home Page
LA SUGARCO STAMPA LIBRO SU URIELE, L’ARCANGELO SCOMPARSO di Annamaria Maraffa PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Amministratore   
martedì 21 febbraio 2017
URIELE L’ARCANGELO SCOMPARSOLa celebre casa editrice milanese Sugarco da diversi anni  è impegnata ad offrire libri di qualità sulla tematica angelologica , dopo aver stampato testi sugli arcangeli Michele e Gabriele adesso presenta un testo sull’Arcangelo Uriele ad opera di don Marcello Stanzione e dell’avvocato Carmine Alvino. Di Uriele diversi mistici cattolici ne hanno parlato.  “… S. Uriele Arcangelo che avete sorteggiato, abbiatelo assai caro. È il quarto dei sette che stanno alla Divina Presenza … quest’ Arcangelo è tra i serafini e brucia di un fuoco tutto particolare di Divino Amore … domandategli l’ardente amore a Gesù Sommo Bene, prendetelo in compagnia nella S. Comunione …”, con queste parole Sant’Annibale Maria di Francia, celebre fondatore dell’Ordine dei Rogazionisti e delle Apostole dello Zelo Divino, in una lettera datata Messina 6.3.1912 comandava alle proprie figlie spirituali di pregare S. Uriele per ricevere la sua protezione celeste.  Peraltro nei secoli è emersa la circostanza che pure S. Isidoro di Siviglia, nel settimo libro delle sue etimologie lo riconoscesse tra gli Arcangeli perchè: “ Uriele si interpreta Fuoco di Dio, così come leggiamo di quel  fuoco apparso nel roveto”  e tale sentimento risultò condiviso da Sant’Ambrogio, nel suo trattato sulla Fede all’Imperatore Graziano : ”  l’Angelo non è immortale per natura, la sua immortalità è nella volontà del Creatore. Né che tu tragga a precedente, che non muore Gabriele, non muore Raffaele, non muore Uriele …” nonché  con le stesse parole da San Bonaventura nel Centiloquio e da San Bernardino da Siena in un sermone sugli Angeli: ” Uriele, si interpreta splendore di Dio, visione di Dio, o Fuoco di Dio o Incendio di Dio“ perchè “ per il suo ministero siamo illuminati dalla verità e siamo infiammati dalla carità …“. ...
Ed è pure avvenuto  che sia San Beda nella sua colletta: “Uriele sii la mia guardia (..)”, che San Francesco Borgia nel suo diario spirituale “come al solito aggiungi all’ora  (…) 21 Cristo, Matteo e San Uriele”, che anche il celebre  dottore della Chiesa Sant' Alberto Magno, nella sua litania c.d. vicelliana: “Padre, degnati di mandare dal cielo anche S. Uriele, che ci infiamma sempre col fuoco del Tuo amore …”, arrivarono  perfino invocarne il nome direttamente nelle proprie preghiere.
L’unico problema è che S. Uriele non dovrebbe esistere o meglio, alla luce della pronuncia del  Sinodo Romano II  del 745 d.c., sotto Papa Zaccaria,  dovrebbe essere stato dichiarato addirittura un demone!
Di conseguenza, è stata indefinitamente sottratta  al cattolico la possibilità di invocare nomi propri di Angeli che  non siano quelli di Michele, Gabriele e Raffaele. 
Perciò quando nel 1500 S. Uriele apparve a Roma al sacerdote Antonio lo Duca, rivelandogli che Dio aveva concesso l’assenso per la trasformazione delle Terme di Diocleziano, teatro di inenarrabili orrori e sofferenze per tanti cristiani martirizzati in epoca romana, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, non fu minimamente creduto, così come era avvenuto per il Beato Amadeo da Sylva che aveva parlato di quest’Angelo nella sua Apocalittica. Né furono ritenute del pari, degne di considerazione alcuna, le testimonianze che ancor oggi si leggono negli Atti dei Santi,  secondo cui sia Santa Martina, una delle patrone di Roma, che i santi irlandesi Lactino e  Moluano, fossero stati custoditi dal nostro Arcangelo di luce.  Nel XVIII° secolo, il p.  Isidoro Felice de Espinosa, revisore ecclesiastico, non si fece scrupolo alcuno a cancellare a penna il nome di S. Uriele dalle pagine della biografia messicana del Venerabile Antonio Margil de Jesus (1657 – 1726), il c.d. prete volante, vero e proprio San Paolo delle Americhe,  mutilandone dunque per sempre il ricordo e così avvenne anche per altri biografi  che preferirono omettere le sacre apparizioni del nostro contestato Serafino (come avvenuto per la Beata Maria di Gesù di Madrid)  pur di sottrarsi alle condanne dell’inquisizione e di rispettare un principio di stretta ortodossia. Sorte analoga subirono quanti, nei secoli, dichiararono di averlo visto, o di voler approvare il suo culto (non da ultimo Papa Leone X !!!)  e di tenerlo tra il numero dei Santi Angeli, circostanza questa che costò loro perfino la beatificazione.
Come risulterà evidente dalla lettura delle presenti documentazioni, che costituiscono soltanto una parziale cernita delle innumerevoli testimonianze solo recentemente rinvenute sul conto del nostro Arcangelo, impossibili  da riportare tutte in un singolo volume,  in seno alla complessa, variegata e a volte contraddittoria dottrina ecclesiastica si è dunque generato un evidente Vulnus giuridico, dottrinario, esegetico e liturgico, che non pare aver trovato soluzione, generato altresì da testimonianze reiterate nei secoli in modo acritico e senza competenza alcuna.
Conseguenza di tale accadimento è stata la sottrazione di una delle  personalità  più potenti nonché di uno dei più solerti e indefessi difensori e protettori dell’uomo contro le perverse macchinazioni del demonio, dal generale panorama dei santi  e l’impossibilità di ricorrere al suo aiuto  onde ricevere il sacro soffio del  fuoco dell’amore di Dio nei nostri cuori; circostanza questa,  resa  più che mai oggi evidente  dalla generale perdita, anche e soprattutto da parte di tanti credenti , del fervore religioso e del rispetto dovuto ai sacramenti della Chiesa.
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Stemma M.S.M.A.

Clicca qui per scaricare il nostro Stemma!

Statistiche Sito

Utenti: 46589
Notizie: 2557
Collegamenti web: 36
Visitatori: 72461889
Abbiamo 1 utente online

Feed Rss