Menu Content/Inhalt
Home Page
FALSO PRETE Don DIEGO CAGGIANO condannato a 4 anni di carcere. PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Amministratore   
sabato 11 marzo 2017
Falso prete condannato per ricatti hardQuattro anni di reclusione in primo grado per il sedicente prete ortodosso accusato di estorsione.

PAGANI. Quattro anni di reclusione in primo grado per il sedicente prete ortodosso accusato di estorsione: i giudici hanno riconosciuto la colpevolezza di “don” Diego Maria Caggiano, noto a Pagani per il suo ruolo di predicatore e ministro della fede nel luogo di culto nel quartiere Barbazzano. Il sedicente presbitero, formalmente non era mai diventato prete della chiesa cattolica, pur presiedendo la sua sede di preghiera nelle vesti di “primate della nuova chiesa cristiana”.
Caggiano, originario di Potenza, è stato condannato dal Tribunale di Isernia, dove insieme a un complice adescava attraverso social network preti di molte regioni, con tendenze omosessuali, utilizzando successivamente le loro confidenze per ricattarli: l’accusa è infatti di estorsione continuata in concorso. ...

...
Attraverso facebook, Caggiano individuava sacerdoti omosessuali e chiedeva l’amicizia, poi, dopo aver ottenuto la loro fiducia acquisiva confidenze intime che successivamente utilizzava per il ricatto. La chiave era un gruppo sul social, un sedicente “osservatorio di abusi da parte di sacerdoti” chiamato “Grido di verità”, con il quale Caggiano millantava di poter far scoppiare uno scandalo in Vaticano. Il meccanismo di fatto intimidiva i preti al centro delle sue mire, con la fase di richiesta di denaro in cambio del silenzio. Dalle prime richieste di soldi, inizialmente basse, si passò a cifre più importanti, con un solo sacerdote convinto a pagare i denari richiesti, utilizzando un vaglia postale, e altri undici prelati ricattati, tutti di età compresa tra i 40 e i 50 anni.
Una delle vittime in particolare riferì di essere stato contattato da Caggiano il quale spiegò di aver ricevuto una segnalazione che lo riguardava, una denuncia corredata di foto e video. Caggiano prima disse di dover segnalare i “preti peccatori”, per poi offrirgli il silenzio dietro pagamento di denaro. A Pagani, nel 2012, venne interrogato dai carabinieri al termine della “messa”, con l’accertamento di una registrazione all’Agenzia delle Entrate e il vaglio dello statuto sociale.
L’apertura dellasorta di chiesta ortodossa causò a Caggiano una scomunica da parte dei vertici della Chiesa romana. La sua posizione era già sottoposta al procedimento penale di Isernia, concluso con la condanna a 4 anni al termine del dibattimento. (a. t. g.)
 
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Stemma M.S.M.A.

Clicca qui per scaricare il nostro Stemma!

Statistiche Sito

Utenti: 45643
Notizie: 2535
Collegamenti web: 36
Visitatori: 66565728
Abbiamo 5 visitatori online

Feed Rss