Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Editoria e Libri arrow GLI ANGELI E LE CAMPANE DEL NATALE Di don Marcello Stanzione
OASI DI SAN MICHELE FATTI BELLA. CAMPAGNA DI AUTOFINANZIAMENTO
GLI ANGELI E LE CAMPANE DEL NATALE Di don Marcello Stanzione PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Amministratore   
martedė 20 dicembre 2022

GLI ANGELI E LE CAMPANE DEL NATALENei primi secoli del cristianesimo, in occasione delle grandi solennità le chiese erano tenute aperte fino all’alba per recitarvi le orazioni preparatorie per il domani, o in adempimento di voti collettivi. Tuttavia scemato il fervore religioso dei primi tempi cristiani, quei convegni divennero (o, per meglio dire, tornarono ad essere, visto che erano una riviviscenza di usi pagani) pretesto per inconvenienti e   disordini.   ...

 
Le cronache dei secoli passati offrono    ampia documentazione sul carattere profano delle veglie natalizie del mondo   occidentale. Ad esempio in Liguria le vigilie notturne si conservarono a lungo: nel 1582 il visitatore apostolico, Monsignor Bosio, vietava rigorosamente “pernoctationes et vigilias nocturnas “con la sola deroga della notte Santa. Ma anche in questo caso, i luoghi di culto si trasformavano in palcoscenico per giocolieri e saltimbanchi, pretesto per danze e giochi osceni, ai quali purtroppo pure una parte del clero partecipava attivamente. Così nel secolo XVII si moltiplicavano nella regione ligure gli editti arcivescovili che ordinavano di celebrare a porte chiuse la Messa di mezzanotte o davano analoghe disposizioni per impedirne gli abusi. Oggi durante la Messa di mezzanotte a Natale, le campane in tante parrocchie Si suonano anche quando si dice “Gloria a Dio nell’alto dei cieli “ e poi  si scopre la statuina di Gesù Bambino.

Gli Spiriti celesti, in quanto Spiriti, per l’appunto, sfuggono allo sguardo della vista, ma la loro presenza è percepita solo dagli occhi dell’anima. Gli Angeli hanno qualcosa in comune con le campane: quest’ultime noi le vediamo ma il loro suono, come ogni suono, non possiamo vederlo bensì solo sentirlo.

Molti parroci e rettori di chiese, considerano le campane solo come un accessorio che in fin dei conti non sta “dentro” la Chiesa; un “elemento decorativo” certe volte di troppo, e problematico quando si palesano problematiche di manutenzione o qualcuno del vicinato inizia a lamentarsi per il loro suono. Il significato che per secoli il popolo cristiano ha dato al suono delle campane, il loro essere prefigurate nella scrittura (es. Numeri cap. 10 o Mt 10,27), insieme a tutta questa poesia, tutta questa musica che fa da sfondo allo stupore e l’incanto del Natale, dovrebbero essere nuovamente considerati e rieducare pastori e fedeli, a questa voce coinvolgente che esclama: Annunciamo la tua morte, Signore. Proclamiamo la tua Risurrezione nell’attesa della tua venuta.

Dio onnipotente, noi non abbiamo Angeli che ci portino alla tua presenza, ma abbiamo le campane che indicano la tua presenza e la via del ritorno a Te. Rendici docili alla tua voce perché aprendoci all’azione del tuo Spirito accogliamo ogni giorno nel nostro intimo il Cristo, fatto uomo e venuto ad abitare in mezzo a noi.

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 90181
Notizie: 3528
Collegamenti web: 35
Visitatori: 268327517
Abbiamo 1 visitatore online

Feed Rss