Menu Content/Inhalt
Home Page arrow News dal Vaticano arrow Il Papa in Francia
Il Papa in Francia PDF Drucken E-Mail
Non ci sono traduzioni - There are no translations - Nein Übersetzungen - No traducciones - Aucun traductions

Il Papa in FranciaBenedetto XVI andrà in Francia come “messaggero di pace”. In un breve messaggio in francese al termine dell’udienza generale, Benedetto XVI parla direttamente ai francesi: sarà Oltralpe da domani, e ci resterà tre giorni. Qualcosa in più di quello che sarebbe dovuto essere il viaggio: un pellegrinaggio a Lourdes, nel centocinquantesimo dell’apparizione della Madonna a Bernadette. Ma sarà anche a Parigi, e verrà accolto dal presidente Sarkozy sul suolo francese. Sarkozy ha portato in Francia l’idea della laicità positiva, la stessa che Benedetto XVI ha osservato e apprezzato negli Stati Uniti. Il presidente francese ha anche scritto un libro sul ruolo pubblico delle religioni, e lo ha donato al Papa nel primo incontro con lui, quando il presidente francese andò a insediarsi come canonico onorario della Basilica Lateranense. Non a caso, Benedetto XVI della “amatissima Francia” dice di apprezzare la “generosa tradizione di accoglienza e tolleranza, così come la solidità ...

... della sua fede cristiana e la sua grande cultura umana e spirituale”. E non a caso il segretario di Stato, cardinal Bertone, fa notare che, sì, “la Francia è un Paese prospero e fortissimamente secolarizzato”, che “per molto tempo ha avuto la tendenza a marginalizzare la fede, relegandola alla fede privata”, ma la nuova concezione di “laicità positiva” di Sarkozy segnala una “evoluzione” nell’atteggiamento verso la Chiesa. Che in Francia, aggiunge Bertone, “ha sempre voluto essere presente in tutte le questioni sociali e nei luoghi dove gli uomini vivono e lavorano: attenzione ai problemi bioetici, all’istruzione e alla famiglia, alla vita nelle banlieu, all’accoglienza e all’integrazione delle popolazioni immigrate”.

La Francia non è sconosciuta a Benedetto XVI: vi ha tenuto numerose conferenze, e nel ’92 è stato nominato membro dell’Accademia delle Scienze Morali e Politiche dell’Institut de France, al posto del dissidente sovietico Andrei Sacharov. All’Accademia delle Scienze, Ratzinger terrà un discorso: parlerà del rapporto tra fede e cultura nei popoli. Ma c’è chi pensa che sarà anche l’occasione per sferrare un attacco contro la “cultura della morte”, e in favore di una maggiore attenzione per la vita e per l’uomo.

Articolo del dott. Andrea Gagliarducci ( Diese E-Mail Adresse ist gegen Spam Bots geschützt, Sie müssen Javascript aktivieren, damit Sie es sehen können )

 
< zurück   weiter >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Mitglieder: 60473
News: 2873
Weblinks: 36
Besucher: 181817666
Aktuell 1 Gast online

Feed Rss