Menu Content/Inhalt
Home Page arrow News dal Vaticano arrow Psicologi nei Seminari? Il Vaticano dice SI!
Psicologi nei Seminari? Il Vaticano dice SI! PDF Stampa E-mail

Psicologi nei Seminari? Il Vaticano dice SI! Gli psicologi nei seminari? Il Vaticano dà l'ok. E raccomanda la presenza degli psicologi nei seminari diocesani, in un documento intitolato "Orientamenti per l'utilizzo delle competenze psicologiche nell'ammissione e nella formazione dei candidati al sacerdozio", presentato dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica. Gli psicologi servirebbero a valutare il carattere e l'equilibrio dei candidati al sacerdozio, ed evitare i tanti errori commessi nel passato. "Infatti - si legge nel testo - coloro che oggi chiedono di entrare in seminario riflettono, in modo più o meno accentuato, il disagio di un'emergente mentalità caratterizzata dal consumismo, da instabilità nelle relazioni familiari e sociali, da relativismo morale, da visioni errate della sessualità, da precarietà delle scelte, da una sistematica opera di negazione dei valori, soprattutto dei mass media". La volontà del Vaticano è quella di evitare altri scandali, come ...

... quello della pedofilia, sul quale Benedetto XVI vorebbe mettere definitivamente una pietra sopra. E infatti, sia negli Stati Uniti che in Australia ha voluto incontrare alcuni rappresentanti delle famiglie di vittime dei preti pedofili.

Ovviamente, ci sono delle condizioni: gli psicologi devono essere di formazione cattolica, e il loro uso deve avvenire con il consenso dell'interessato e nel rispetto della privacy. Ma serve, perché "gli errori di discernimento nelle vocazioni - si legge ancora nella nota - non sono rari, e troppe inettitudini psichiche, più o meno patologiche, si rendono manifeste soltanto dopo l'ordinazione sacerdotale. Il discernelrle in tempo permetterà di evitare altri drammi". Sarà il vescovo a dire comunque l'ultima parola. La consulenza psicologica è ritenuta necessaria, specie per quanto riguarda la valutazione delle possibilità che il candidato sia in grado di rispettare il celibato e anche per individuare il suo orientamento sessuale (deve emergere "una identità virile e la capacità di relazionarsi in modo maturo con altre persone").

L'ultimo punto è un no, deciso, all'ammissione di gay al sacerdozio, perché, spiega il cardinal Grocholewski, prefetto per la Congregazione dell'Educazione Cattolica, l'omosessualità, anche se non pratica, è comunque "una deviazione, una irregolarità, una ferita". E un aspirante seminarista, se è palesemente gay, non può essere ammesso "non perché commette peccato - precisa il cardinale, ma perché l'omosessualità è una ferita per poter esercitare il sacerdozio, che consiste anche nell'essere un padre spirituale e nel sapersi relazionare con gli altri".

Articolo del dott. Andrea Gagliarducci ( Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo )

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 51733
Notizie: 2743
Collegamenti web: 36
Visitatori: 152262022
Abbiamo 3 visitatori online

Feed Rss