Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Editoria e Libri arrow Il profumo di San Michele arcangelo? E’ l’incenso. Ecco perchè
Omelia Don Marcello Stanzione a Cracovia
Il profumo di San Michele arcangelo? E’ l’incenso. Ecco perchè PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Amministratore   
domenica 18 luglio 2021

Il profumo di San Michele arcangelo

Di Gelsomino Del Guercio

San Michele si può evocare con una particolare benedizione all’inizio della Liturgia della Eucarestia, quando il sacerdote mette l’incenso nel turibolo e ne chiede la potente intercessione

Il profumo di San Michele arcangelo è l’incenso. E’ un aroma attraverso cui si chiede l’intercessione del Principe degli Angeli. Si legge nel libro “Profumi divini” (Mimep Docete) di Don Marcello Stanzione, che il sacerdote, all’inizio della Liturgia della Eucarestia, mette l’incenso nel turibolo, lo benedice e poi incensa tutto l’altare, in onore del Signore. ...

 

L’incenso viene benedetto, nella Messa in forma extraordinaria o Messa di San Pio V, con la preghiera: “Per intercessione di San Michele arcangelo, che sta alla destra dell’altare dell’incenso, e di tutti i suoi santi, il Signore voglia benedire questo incenso e accoglierlo come profumo a Lui gradito”.

 Profumi Divini

La copertina del libro.

Aleteia | Don Marcello Stanzione | Mimep Docete

L’invocazione degli angeli

Qui sono invocati gli angeli perché il mistero dell’incenso non rappresenta altro che la preghiera dei santi presentata a Dio dagli angeli, come dice San Giovanni nell’Apocalisse (8,4): “E dalla mano dell’Angelo il fumo degli aromi ascende con la preghiera dei santi davanti a Dio”.

Ancor prima, come spiega il liturgista benedettino dom Prosper Guéranger: “siccome il pane e il vino che ha offerti hanno cessato dì appartenere all’ordine delle cose comuni e usuali, [il sacerdote] li profuma con l’incenso, come fa per Cristo stesso, rappresentato dall’altare”. 

“Ascenda a te…”

Belle le parole che accompagnano l’incensazione prima in forma di triplice croce e poi di triplice cerchio sul pane e del calice: “Ascenda a te, Signore, questo incenso da Te benedetto e discenda su di noi la tua misericordia”.

È tutto il senso della liturgia, che ascende a gloria della presenza divina e discende per la nostra salvezza – in latino, salvare vuol dire conservare – affinché siamo completamente noi stessi e possiamo vivere in eterno con Dio. Il sacerdote si inchina “in spirito di umiltà e con animo contrito” affinché il sacrificio si compia alla presenza di Dio in modo da essere gradito; poi invoca lo Spirito sulle offerte.

Il bacio della mano 

Il sacerdote, rendendo il turibolo al diacono, gli rivolge un augurio che fa ugualmente a sé medesimo, dicendo: “Il Signore accenda in noi il fuoco del suo amore e la fiamma dell’eterna carità”. 

Il diacono, ricevendo il turibolo, bacia la mano del sacerdote e poi la parte superiore delle catene, invertendo l’ordine delle azioni che aveva compiuto presentandoglielo.

Il sacrificio perfetto

Tutti questi usi sono orientali e la liturgia cattolica li conserva perché sono dimostrazioni di rispetto e riverenza. Dunque, la Chiesa non ha escluso gli aromi dai suoi riti, anzi usa il balsamo per preparare il Crisma. 

L’incensazione simboleggia il sacrificio perfetto dei santi doni del pane e del vino, cioè Gesù Cristo, a cui sono unite le nostre persone in sacrificio spirituale, emananti profumo soave che sale al cielo (cf. Gen 8,21; Ef 5,2); così sono le preghiere dei santi (Ap 5,8) e le virtù dei cristiani (2 Cor 2,15).

Riprendere l’uso dell’incenso

Sarebbe molto opportuno che nelle nostre liturgie cattoliche si riprendesse non solo l’uso dell’incenso che in tantissime parrocchie è stato completamente abolito. Addirittura, a volte non si usa neppure più alla fine del funerale per incensare la salma. 

Ma anche al termine della Messa riprendere di nuovo la preghiera finale a san Michele Arcangelo che il papa san Giovanni Paolo II aveva nel 1997 invitato a fare pur non essendo purtroppo più obbligatoria come una volta.

 

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 18 luglio 2021 )
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 67959
Notizie: 3139
Collegamenti web: 35
Visitatori: 217215811
Abbiamo 1 visitatore e 1 utente online

Feed Rss