Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Editoria e Libri arrow I mostri vicino alla culla”. La prima volta che Padre Pio vide il diavolo
Libro costellazioni familiari enneagramma
I mostri vicino alla culla”. La prima volta che Padre Pio vide il diavolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Amministratore   
giovedì 17 febbraio 2022

 La prima volta che Padre Pio vide il diavolo

Di Gelsomino Del Guercio

Il frate con le stigmate era bambino e sua madre provò a rassicurarlo. Ne parlò, da adulto, anche al suo direttore spirituale, padre Benedetto da San Marco in Lamis

Padre Pio fu assaltato dal diavolo sin da bambino. Ci sono numerose testimonianze che riportano queste aggressioni violente che il futuro santo subiva. Racconti scioccanti che Don Marcello Stanzione riporta nel libro “L’universo demoniaco” (Sugarco edizioni). ...

 

I mostri

Alla figlia spirituale Cleonice Morcaldi, Padre Pio rivelò: «Ricordo che tanti mostri si mettevano intorno alla culla per spaventarmi ed io strillavo». 

Anche al suo direttore spirituale, padre Benedetto da San Marco in Lamis, Padre Pio descrisse le continue apparizioni del diavolo: «Mia madre spegneva il lume e tanti mostri mi si mettevano vicino ed io piangevo. Accendeva il lume ed io tacevo perché i mostri sparivano. Di nuovo lo spegneva e di nuovo mi mettevo a piangere per i mostri». 

Al ritorno da scuola

Ma pure di giorno, secondo la testimonianza del maestro don Nicola Caruso, il piccolo era perseguitato «da un uomo vestito da prete, che al ritorno da scuola lo aspettava sulla soglia di casa e non lo voleva fare entrare. Allora Francesco si fermava, veniva un ragazzino scalzo, faceva un segno di croce, il prete spariva e il bambino, sereno, poteva finalmente rientrare».

Il noviziato e la nuova aggressione

Per Padre Pio nel 1903, a 16 anni, era iniziato il tempo del noviziato, un periodo segnato finalmente da una tregua negli assalti diabolici. Ma il silenzio si interruppe bruscamente mentre si trovava nello studentato di Sant’Elia a Pianisi. 

Odore di zolfo

Egli stesso raccontò quanto gli accadde nel settembre 1905: «Una notte sentii dei rumori che mi sembravano provenire dalla cella vicina. «Che farà a quest’ora fra Anastasio?”, mi dissi; e pensando che vegliasse in adorazione mi misi a recitare il rosario. C’era infatti tra noi una sfida a chi pregava di più e io non volevo rimanere indietro. Continuando però questi rumori, anzi diventando sempre più insistenti volli chiamare il confratello. Si sentiva intanto un forte odore di zolfo». 

Il salto dell’animalaccio

«Mi sporsi dalla finestra per chiamare – proseguiva Padre Pio – le nostre due finestre erano così ravvicinate che ci si poteva scambiare libri o altro sporgendo la mano. “Fra Anastasio”, chiamai senza alzare troppo la voce. Non ottenendo risposta, mi ritirai. Ma quale non fu la mia sorpresa quando dalla porta vidi entrare un grosso cane dalla cui bocca usciva tanto fumo. Caddi riverso sul letto e udii che diceva: “È iss” (è lui). Mentre ero in quella postura, vidi l’animalaccio spiccare un salto sul davanzale della finestra, da qui lanciarsi sul tetto di fronte, per poi sparire».

Una persecuzione, quella del demonio, che accompagnò tutta la vita di Padre Pio. Un tormento continuo che si aggiungeva alle altre sofferenze patite dal frate con la stigmate, fino alla sua morte, avvenuta il 23 settembre 1968.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 17 febbraio 2022 )
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 96418
Notizie: 3653
Collegamenti web: 35
Visitatori: 281507142
Abbiamo 3 visitatori e 1 utente online

Feed Rss