Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Angelologia arrow Irene Pivetti e gli Angeli
Irene Pivetti e gli Angeli PDF Stampa E-mail

Irene Pivetti e gli AngeliIrene Pivetti è nata a Milano il 4 aprile 1963 ed attualmente è giornalista e conduttrice televisiva ma dal 16 aprile 1994 fino all’8 maggio 1996 è stata presidente della Camera dei deputati, avendo come suo predecessore Giorgio Napolitano e come suo successore Luciano Violante e durante quel periodo dichiarò in diverse interviste la sua devozione personale agli angeli, infatti in una sua intervista al Corriera della Sera del 26 marzo 1995 dichiarò: “ Ogni giorno mi rivolgo all’angelo custode e parlo con lui. Prego il mio angelo e saluto quello degli altri 630 deputati di Montecitorio. Se si litiga in Parlamento so che gli angeli custodi operano per il bene di tutti. Mi affido a loro e resto tranquilla. Sono certa che ci pensano loro a placare gli animi. Anche per questo riesco a presiedere certe infuocate assemblee”.  La Pivetti presenziò alla mostra sugli angeli tenuta al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo a Roma dal 13 settembre al 15 ottobre 1995 e pronunciò questo discorso: “Angelo di Dio, ...

...   che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me, che tu fui affidato dalla Pietà celeste. Così sia. E il bambino si rimbocca le coperte, con il bacio della buona notte. Fino a qui, l’oleografia. Perché l’angelo di Dio è soprattutto una cosa per adulti, è capace di accompagnarti a prendere una birra, la sera, con un paio di amici, e magari dà un occhio alla strada mentre guidi. E’ l’angelo custode che quando con quello lì non so chi mi tenga, alla fine uno straccio di accordo l’avete trovato, ed è sempre lui persino col padrone di casa, che ogni volta ne ha una, e con gli amici di tuo figlio che me lo rovinano questo ragazzo – l’angelo custode si occupa anche di tuo figlio, quando non ci puoi essere tu.

E l’avvocato con lo studio e con le segretarie, e il commerciante con il suo negozio, l’impiegato alla scrivania, e il postino, il vigile urbano, tutti quando lavorano hanno accanto il loro angelo di Dio – un bell’angelo che sa stare zitto, e che si rende utile. Persino quello che un giorno o l’altro farà un lavoro serio, ha il suo angelo che gli dà una mano. Nel bar, caffè e l’angelo di Dio, che ti legge il giornale fra le mani ma non dà fastidio perché non te ne accorgi – e meno male che non si vedono, perché con tutti questi angeli qui in torno.

E loro discreti affacciati ai balconi a guardare la strada, e stanno attenti per tutti, anche se qualche volta l’incomprensibile Dio padre permette che accadano fatti di dolore, anche per strada, anche sotto gli occhi degli angeli. E dove si muore di fame e di botte, dove fa un caldo che non si respira, dove la gente se ne sta in prigione magari per qualche delitto tremendo o magari per niente, anche lì siedono e pregano gli angeli di Dio, e fanno quello che possono, e a volte non è molto, per volerci bene e farci stare in pace. Non sono solo angeli custodi, anche se sorvegliano i nostri passi e le nostre spalle – ma lasciamo perdere con questa storia che con la vita che faccio – immagina cosa sarebbe senza nemmeno l’angelo di Dio.

Perché non è soltanto il loro viso che non riusciamo a vedere, è anche tutto il male da cui ci difendono, che non vedremo mai, se non qualche volta nella nostra vita, quando l’onda è talmente alta di fronte che solo un miracolo. Ecco, allora, se siamo onesti lo dobbiamo riconoscere che è stato l’angelo di Dio a spiegare le ali dove non c’era altro a fare da riparo. Ma, per il resto, non siamo nemmeno obbligati a ringraziare. Loro, gli angeli, stanno lì. Parlano con Dio continuamente, da dentro, e guardano continuamente noi, che gli siamo stati affidati per amore di Dio.

Non siamo obbligati a saperlo. Non siamo obbligati a tenere conto. Non siamo obbligati nemmeno a pensare a loro, nemmeno una volta nella vita. Gli angeli sono lì per volerci bene lo stesso. Ma se li salutiamo, se pensiamo che ci sono, è una bella cosa che ci farà del bene. A dir la verità, non sappiamo nemmeno quanti sono, questi angeli. Non sappiamo come sono fatti. Non conosciamo i nomi e che cosa faranno, da qui alla fine del mondo, accanto a noi. Soltanto di qualcuno ci hanno detto il nome, lo abbiamo visto davanti, abbiamo provato quanto sia forte.

 Ma, alla fin fine, non è affar nostro fare i conti in tasca alla bontà di Dio. E se un arcangelo è stato scomodato, una volta, solo per insegnare a un ragazzino a pescare – e da allora Tobia lo si dipinge sempre accanto a Tobia lo si dipinge sempre accanto a san Raffaele – san Michele, anche san Michele, anche questo un arcangelo, è terribile e giusto di fronte alla porta del paradiso terrestre, la spada sguainata per impedire l’ingresso, e combatte ogni giorno la sua battaglia già vinta, alla testa degli angeli fedeli, contro Lucifero e gli angeli ribelli, ed ancora combatterà finché a Dio piacendo tutto sarà finito – la sua corazza dura, la spada, la bilancia nella mano sinistra per pesare le anime che tornano a Dio.

Michele, arcangelo bellissimo e forte, arcangelo muto dopo aver detto, all’inizio dei tempi, “Chi come Dio?”. E san Gabriele, il più delicato e veloce degli arcangeli, amico di Maria Santissima per quel compito tanto speciale di parlare d’amore per conto di Dio, anche di lui sappiamo il nome e i tratti del volto.

Per tutti gli altri (per quasi tutti gli altri) possiamo solo salutare l’ombra che passa. Ma non si allontana”.

Don Marcello Stanzione

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 52453
Notizie: 2785
Collegamenti web: 36
Visitatori: 163831502

Feed Rss