Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Editoria e Libri arrow INCHIESTA SUGLI ANGELI (MONDADORI): GLI ANGELI OLTRE LA FANTASIA
XV Meeting Nazionale sugli Angeli
INCHIESTA SUGLI ANGELI (MONDADORI): GLI ANGELI OLTRE LA FANTASIA PDF Stampa E-mail

INCHIESTA SUGLI ANGELI (MONDADORI): GLI ANGELI OLTRE LA FANTASIA
 
Una ricerca del Censur di una quindicina di anni fa rivelava che oltre il 60% degli italiani credeva negli angeli e nel loro influsso sulla vita quotidiana. In parte si trattava di angeli legati a credenze religiose tradizionali; in parte post – moderno, espressione della cultura popolare e del New Age. Oggi la situazione non è migliore: angeli derivanti dal mormorismo, dallo spiritismo, dalle nuove spiritualità e da pratiche esoteriche e occultistiche insidiano quelli della dottrina cattolica. Eppure santi, mistici, papi, compresi gli ultimi, dimostrano che gli angeli sono più che mai parte del cattolicesimo. Antica , del resto, è la devozione verso arcangeli, angeli e angelo custode, quello affidato a ciascuno di noi alla nascita, per il quale nel 1608 Clemente X istituì una festa per il 2 ottobre. Dell’angelo custode si parla esplicitamente nel Nuovo Testamento, come nel passo in cui Gesù dice (Mt 18,10): “Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli”. Fu la riflessione dei Padri della Chiesa a definire la dottrina dell’angelo custode, quello che molti bambini (non tanto come un tempo) pregano prima di addormentarsi. ...

Sebbene non sia dogma, questa dottrina è stata sostenuta nella Tradizione da numerosi teologi e mistici, da sant’Agostino sino a San Pio da Pietralcina. Si apprendono queste e molte altre notizie nel libro Inchiesta sugli angeli  (Mondadori, pagine 192, euro 17) di Saverio Gaeta e Marcello Stanzione. Oltre agli spiriti celesti affidati a ogni creatura umana, esistono le schiere angeliche ovvero “ambasciatori” fra Dio e  l’Uomo. Una precisa dottrina angelologica è stata sviluppata nel Nuovo Testamento dove gli angeli intervengono nella storia di Cristo e della Chiesa primitiva. Pensiamo all’angelo che annuncia al Battista la nascita di Cristo (Lc 1, 11-20); a Gabriele che l’annuncia a Maria (Lc, 1, 26-38); agli angeli che appaiono in sogno a Giuseppe sino a quel giovane “in tunica bianca” che siede davanti al sepolcro vuoto (Mt 28,11); pensiamo alla fitta presenza angelica in Atti e Apocalisse. La prima attestazione della divisione degli angeli in nove cori compare tuttavia nell’opera di Dionigi,  De Coelesti Hyerarchia  dove si nominano le gerarchie più alte, “serafini” e “cherubini”, sino alle più basse, “virtù” e “potestà”, quelle che comunicano la volontà di Dio agli uomini. Di tale attività, peraltro, parlano molti mistici e vi sono testimonianze impressionanti come quelle delle sante Teresa d’Avila o Benedetta Teresa della Croce. Per quanto riguarda il Magistero, dopo le prime affermazioni di Nicea (325) , i riferimenti più strutturati si trovano dal Lateranense IV (1215) in poi. Qui si fece esplicito riferimento all’organizzazione del mondo dei puri spiriti, dottrina ribadita da Paolo VI, Giovanni Paolo II  e Benedetto XVI. Se nella Bibbia gli angeli hanno una grande importanza, soltanto di tre viene fatto il nome: Michele, Gabriele, e Raffaele. Dell’Arcangelo Michele, in particolare, associato alle acque e a luoghi elevati, si è sviluppata nei secoli una venerazione viva e per nulla svanita se pensiamo che il 5 luglio 2013 papa Francesco ha inaugurato nei giardini vaticani un monumento a san Michele Arcangelo, perché  “ci difenda dal maligno e lo getti fuori”. Tra gli angeli nominati sin dai primi secoli ( i 7 più vicini a Dio che non si ribellano) di Uriel è caduta la venerazione, perché non nominato nelle Scritture (se non nel Libro di Enoc). Degli altri tre si conoscono i nomi ma scarse sono le attestazioni. Nel bel libro di Stanzione e Gaeta, c’è una dinamica circolazione di domande, riflessioni e risposte, che vagliano Scritture, Tradizione, Magistero ma anche parole di santi, rivelazioni private e cultura popolare. Interessante sintesi di quanto si sa o s’ipotizza sul mistero, secondo dottrina cattolica, di queste creatura vicina , elusive, che talvolta possiamo percepire “in un  soffio di vento”.
 
Di Mario Iannaccone
 
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 51660
Notizie: 2731
Collegamenti web: 36
Visitatori: 147298342
Abbiamo 1 visitatore online

Feed Rss