Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Editoria e Libri arrow Mons. Marcianò su “Cristianesimo e vita militare”
XV Meeting Nazionale sugli Angeli
Mons. Marcianò su “Cristianesimo e vita militare” PDF Stampa E-mail

Mons. Marcianò su “Cristianesimo e vita militare”

Con grande gioia porgo il mio saluto ai presenti, agli autori del libro, a padre Giulio Cerchietti, assicurando la mia vicinanza in occasione della presentazione di questo testo, inziativa che considero importante per il nostro mondo militare. Già il titolo, “Cristianesimo e vita militare”, ci inserisce nella coniugazione di un binomio indispensabile e, in questo momento storico della vita della Chiesa e del mondo, particolarmente eloquente, perché ci proietta direttamente al mistero della santità. E come non lasciarci conquistare dalla bellezza della santità proprio pochi giorni dopo la solenne Celebrazione per la Canonizzazione, assieme al grande Giovanni Paolo II, dell’amato Papa Giovanni XXIII? Il suo è solo uno dei tanti esempi di santità nella vita militare, questo lo sappiamo bene; una santità maturata anche vivendo il cristianesimo da soldato prima e da cappellano poi; una santità che ci tocca profondamente e ci spinge a ribadire che “cristianesimo e vita militare” è un binomio che può essere estremamente costruttivo. ...
...È nel Vangelo, infatti, che si trova la strada per realizzare in pienezza parole come giustizia e pace, rispetto per la vita e la dignità umana, difesa dei piccoli e degli ultimi, accoglienza e solidarietà… quei valori la cui promozione il mondo militare assume come ragion d’essere. Ma nella vita militare, se vissuta - come dovrebbe essere – quale vocazione a custodire e proteggere, si può trovare una via di educazione a tali valori, peraltro di fondamentale importanza per potenziare l’umano di ogni società.
Veramente la vita militare, con le sue potenzialità e la sua dedizione, va colta come ricchezza ma anche come provocazione e sfida, in particolare come sfida educativa per la nostra cultura che, così pericolosamente intrisa di soggettivismo individualista, ha bisogno di aprirsi al respiro dell’alterità e della trascendenza. In questo orizzonte, verso cui peraltro tende ogni uomo, si inserisce, in modo speciale, anche l’impegno dei cappellani, sacerdoti che condividono la vita dei militari, nei vari contesti e nelle divese situazioni, sostenendone l’esistenza, assistendone la crescita cristiana e potenziando la dimensione comunitaria e comunionale.
“Cristianesimo e vita militare”: sono contento che di questo si scriva nel testo che oggi viene presentato e sono persuaso che di questo occorra scrivere e parlare ancora tanto, affinché si comprenda sempre più ciò che i nostri autori penso abbiano voluto dimostrare: la forza dell’amore, capace di trasformare dal di dentro la logica dell’ingiustizia, della violenza, della guerra, grazie all’impegno di uomini chiamati a fare dono della propria vita per custodire, difendere e promuovere la vita dei fratelli.
A tutti, di cuore, buon lavoro!

Roma, 7 maggio 2014

+ Santo Marcianò
 
Segnalazione di Don Marcello Stanzione (Ha scritto e pubblicato clicca qui)
 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 51880
Notizie: 2754
Collegamenti web: 36
Visitatori: 156194419
Abbiamo 1 visitatore online

Feed Rss