Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Purgatorio arrow San Giovanni Macias e le anime del Purgatorio
San Giovanni Macias e le anime del Purgatorio PDF Stampa E-mail

San Giovanni Macias e le anime del PurgatorioUn altro grande apostolo del Rosario per le anime purganti fu particolarmente san Giovanni Macìas, questo umile frate domenicano recitò tanti Rosari per le anime del Purgatorio e ricevette la rivelazione che con i Rosari aveva liberato dal Purgatorio un milione e quattrocentomila anime. Il papa Gregorio XVI volle che questo fatto così straordinario e così edificante venisse inserito nella stessa Bolla di Beatificazione, a insegnamento per tutti. Giovanni Macias nacque a Ribera del Frasno nella regione spagnola dell’Estremadura il 2 marzo 1585. In base alle lezioni del suo Ufficio , i genitori provenivano da famiglie nobili, che avevano perso però le loro ricchezze e lo status sociale a causa “delle varie sfortune di un mondo inaffidabile”, e che morirono entrambi quando Giovanni era ancora giovane. Di conseguenza, quest’ultimo fu affidato alla tutela di uno zio che gli permise di guadagnarsi da vivere come pastore, e si narra che mentre sedeva nei campi, per tutto il giorno recitava il rosario e meditava sui ... 

...  misteri del cristianesimo, sentendo talvolta la tangibile presenza dei personaggi principali, in particolare Maria e Giovanni. Seguendo un’istruzione ricevuta da quest’ultimo, decise improvvisamente , all’età di trentacinque anni, di seguire i molti connazionali che si erano recati in Perù, dove lavorò per due anni in un allevamento di bestiame per guadagnarsi da vivere, prima di recarsi a Lima, in seguito alla sua decisione di intraprendere la vita religiosa.

Il 3 gennaio 1622 fu accolto come fratello laico dai domenicani e donò i suoi risparmi. Non essendo abituato a fare le cose a metà, si sottopose a privazioni che misero in pericolo la sua salute, tanto che il priore insisteva continuamente affinché si moderasse; tuttavia, anche se era inflessibile con se stesso, provava un’enorme compassione per i poveri, e dopo aver ottenuti l’impiego di custode, la dimora divenne un punto d’incontro per i poveri, i malati e i bisognosi della città.

Come il suo amico Martino de Porres, chiedeva l’elemosina per comprare ai poveri cibo e medicine, ma poiché non aveva sempre il tempo di farlo, addestrò un asino che andasse in giro da solo, così il popolo poteva mettere cibo e vestiti per loro nelle gerle. Gli furono attribuiti molti miracoli, sia prima sia dopo la morte, avvenuta nel 1645, e fu compianto dalla città intera. S. Giovanni divenne famoso in  Perù come “il padre dei poveri”, e il culto fu approvato assieme con quello di S. Martino de Porres nel 1837, oltre a fiorire anche nella regione di Badajoz in Spagna, dove era cresciuto.

E’ stato canonizzato da Giovanni Paolo II il 28 settembre 1975.

Don Marcello Stanzione

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 52936
Notizie: 2802
Collegamenti web: 36
Visitatori: 168181464
Abbiamo 6 visitatori e 1 utente online

Feed Rss