Menu Content/Inhalt
Home Page arrow Sette ed Eresie arrow Storia della "Chiesa dell'Unificazione"
Storia della "Chiesa dell'Unificazione" PDF Stampa E-mail

La "Chiesa dell'Unificazione"Tra i nuovi gruppi religiosi, la setta fondata nel 1954 in Corea dal Reverendo Sun Myung Moon e denominata "Chiesa dell'Unificazione", è tra le più vivaci del mondo e conta tre milioni di adepti. In Italia essa è conosciuta con il nome di Associazione Spirituale per l'Unificazione del mondo cristiano (ASUMC). Il fondatore di questo gruppo religioso è nato nel 1920 a Sanga - Ri nella Corea del Nord da una famiglia di presbiteriani. Le biografie del suo movimento ci dicono che all'età di sedici anni, mentre era raccolto in preghiera ai piedi di una montagna, il mattino di Pasqua, gli apparve Gesù e lo invitò a continuare la sua missione interrotta dalla morte sulla croce, portando il regno di Dio sulla terra. Nel 1939 Moon si trova in Giappone per studiare Ingegneria elettronica e viene arrestato per la sua partecipazione al  Movimento di indipendenza della Corea. Nel 1946, dopo la liberazione della Corea dal dominio giapponese, Moon inizia la predicazione della sua dottrina, ma viene arrestato dai comunisti ...

... e sottoposta alla tortura. Nel 1950 viene liberato dalle truppe delle Nazioni Unite e fugge a piedi nella Corea del Sud dove incomincia a raccogliere alcuni seguaci.

Il primo maggio 1954 fonda ufficialmente a Seul la Chiesa dell'Unificazione. Nel 1957 viene pubblicato il volume "I principi divini" che contiene la dottrina della setta. Questa rivelazione contenuta nei "Principi divini" non è ancora definitiva e potrebbe subire delle varianti di rilievo in rapporto alla storia oltre che una estensione e un compimento. Alla fine del 1957 in Corea sono aperte trentanove sedi  del movimento che nel 1958 invia missionari in Giappone e nel 1959 negli Stati Uniti. Nel 1960 Moon, all'età di 40 anni, sposa una ragazza diciassettenne, Hak Ja Han. Era infatti giunto il momento in cui egli riteneva, periodo di preparazione, di dover iniziare una nuova fase nella sua missione, quella cioè di mettersi al servizio di Dio non più come singolo individuo, ma creando, assieme ad una sposa che condividesse pienamente i suoi ideali, una famiglia totalmente consacrata alla realizzazione della volontà divina. Con le nozze di Moon (che ritiene se stesso e la propria sposa i "veri genitori" della nuova umanità) si apre un periodo in cui l'impostazione della setta si modifica.

Dal 1960 infatti, il movimento della Chiesa dell'Unificazione non è più portato avanti da singoli individui, ma da famiglie. Moon celebra i matrimoni dei suoi seguaci in forma collettiva (arrivando a celebrare - come in un caso del 1979 - il matrimonio di 1800 coppie o addirittura  come nel 1982 di 5837 coppie). I coniugi non si scelgono fra loro e non esiste corteggiamento o fidanzamento nel senso comune del termine, è  il Reverendo Moon stesso a scegliere e a proporre a ciascuno un possibile coniuge all'interno della Chiesa dell'Unificazione. Il matrimonio misto è vietato e i membri dell'Unificazionismo sono strettamente tenuti a sposarsi all'interno del loro movimento. Quando la scelta del Reverendo Moon viene accettata, entro poco tempo i coniugi vengono uniti in matrimonio durante una di queste cerimonie nuziali spettacolari.

Quando solennemente i futuri coniugi bevono insieme dalla stessa coppa colma di vino, stabiliscono un legame spirituale che considerano perenne. La consumazione sessuale del matrimonio non è immediata. Come ulteriore periodo di preparazione interiore, la coppia vive in castità per quaranta giorni dopo il matrimonio. I seguaci del Reverendo Moon sono convinti che il loro tipo di matrimonio "combinato" sia più sicuramente conforme al volere di Dio di qualunque libera scelta coniugale.

Dal 1971 Moon risiede negli Stati Uniti nella convinzione che questa nazione ha un ruolo guida nel compimento di unire il mondo sotto Dio e mentre si impegna a diffondere il suo messaggio religioso, si occupa anche di pesca e di macchine utensili, riuscendo a creare un grande impero industriale e finanziario. Attualmente Moon è uno degli uomini più ricchi del pianeta. La sua potenza economica si basa anzitutto sul quasi monopolio mondiale del confezionamento e della commercializzazione del ginseng (radice di una pianta che avrebbe virtù tonificanti).

Inoltre egli gestisce negli USA una banca, un cantiere navale, due  grandi  società  per  la  pesca  e  una flotta di settanta battelli. In Uruguay possiede un'altra banca e un albergo di  lusso con 2500 camere e una sala conferenza con 1200 posti. Moon ha dato vita inoltre a ben cinque quotidiani, dei quali tre in America: New York Tribune, Washington Times e Noticias del Mundo; uno in Uruguay: Ultimas Noticias e uno in Giappone: Sekai Nippo. Per diffondere le sue idee, Moon ha fondato un grande numero di istituzioni culturali, tra cui: la Fondazione Culturale Internazionale (ICF), che promuove convegni scientifici; la Fondazione Religiosa Internazionale (IRF), che promuove il dialogo tra le religioni e le chiese cristiane; le New Era che contribuisce alla ricerca ecumenica attraverso studi e convegni; la Professors  World Peace Accademy (PWPA)  che riunisce scienziati di varia nazionalità per favorire il progresso e la pace nel mondo. Vi è poi un movimento studentesco universitario denominato Associazione Universitaria per la Ricerca dei Valori Assoluti (CARP), ed una associazione dei genitori (AIG), nonché l'Ocean Church (la Chiesa dell'oceano) che promuove attività di pesca, e infine la Crociata Internazionale per un Mondo Unito (IOWC) per i giovani.

La Chiesa dell'Unificazione ha sempre svolto un'intensa campagna anticomunista, specialmente in  Corea e in America Latina. Per i seguaci di Moon il comunismo non è semplicemente un sistema ideologico, la base dottrinale di una visione politica economica, esso è anzitutto  una forma di religione fondata sull'odio e che insiste sulla non  esistenza di Dio, sostituendosi a Lui  e trasformando gli esseri  umani  in schiavi.

La guerra al  comunismo  è per la Chiesa dell'Unificazione anzitutto una guerra  di  idee e  il  campo  di  battaglia  è l'intelligenza dell'uomo.  La dottrina della Chiesa dell'Unificazione è contenuta, come accennato in precedenza, nel libro "I principi divini". Questa fantomatica rivelazione che Gesù avrebbe comunicato a Moon è intesa come il "nuovo messaggio di Dio agli uomini". E' il "terzo Testamento". Secondo questa dottrina nella divinità interagiscono tre tipi di forze: la forza per perseguire l'ideale; la forza per creare  e mantenere l'esistenza ed infine la forza dell'amore, che è il nucleo centrale dell'energia di Dio.

Per amore, Dio (il Dio più) ha dovuto creare l'uomo (il Dio meno) per avere un oggetto da amare ed  essere in questo modo felice. Se fosse restato solo, Dio non avrebbe potuto essere felice. Come in  Dio c'è un aspetto maschile o "più" e un aspetto femminile o "meno", anche nel creato c'è una parte femminile e una parte maschile e quando esse si uniscono creano un grande Dio "meno" per il grande Dio "più". Il destino finale del genere umano è ricevere l'amore di Dio e, per raggiungerlo, le persone devono unirsi come "più" e "meno". Ecco perché, come afferma la dottrina della Chiesa dell'Unificazione, gli uomini e le donne hanno un reciproco bisogno; soltanto insieme possono creare quell'armonia che ci permette di raggiungere Dio e il suo amore. Nel progetto originario di Dio, Adamo, Eva e tutta l'umanità dovevano vivere amare Dio.

Questo disegno non si verificò e dunque ora Dio è triste, perché ha perso l'amore degli uomini. Per la dottrina unificazionista se Dio può trovare nelle persone il suo amore, sarà felice, ma se non lo trova sarà pieno di tristezza. I seguaci di Moon vogliono appunto liberare Dio dalla sua sofferenza, realizzando il suo disegno d'amore. Secondo la nuova rivelazione Moonista, Adamo ed Eva dovevano crescere nel giardino dell'Eden fino a raggiungere la perfezione e poi ricevere la benedizione del matrimonio da Dio. Invece Eva, ingannata dall'arcangelo Lucifero, dapprima acconsentì ad avere una relazione sessuale con lui che causò la  caduta spirituale della natura umana, poi Eva tentò Adamo e i due prima del tempo fissato da Dio si unirono in un rapporto sessuale e si ebbe così la caduta "fisica" della natura umana. Così l'umanità cadde sotto il dominio del diavolo. Ma Dio non ha abbandonato il suo progetto originale. Egli anzi ha stabilito un mediatore fra se stesso e l'umanità: il Messia.

Dio mandò sulla terra Gesù come Adamo perfetto e senza peccato. Secondo il Reverendo Moon, la missione del Cristo era quella di stabilire il regno di Dio sulla terra, un regno non soltanto spirituale ma anche fisico. Tale regno doveva essere stabilito durante la vita di Gesù. Poiché il matrimonio è il mezzo più importante per stabilire il regno di Dio sulla terra, la sua prima missione era quella di unirsi in matrimonio con una sposa perfetta, la nuova Eva, e  formare  così la prima famiglia. Gesù invece di essere accolto fu rifiutato ad ogni livello e gli fu negata l'opportunità di prendersi una sposa e così stabilire la prima famiglia centrata su Dio. Egli fu inchiodato sulla croce e la sua missione terrena rimase incompiuta, per questo egli promise il suo secondo avvento; egli deve tornare per portare a compimento la sua missione di Messia sulla terra.

La crocifissione rese impossibile a Gesù la realizzazione di una salvezza completa, e quindi fu una sconfitta, ma la risurrezione rese possibile la salvezza "spirituale" degli uomini che si sarebbero uniti a lui idealmente. Secondo le dottrina dell'Unificazionismo, il Messia deve quindi ritornare per portare a termine l'opera della salvezza non soltanto spirituale, ma anche fisica. Secondo tale dottrina, il Messia non ritornerà più nella persona di Gesù perché Dio non si serve mai della stessa persona per il fatto che il corpo, una volta che ha  compiuto la sua missione, non può essere ricostruito un'altra volta, perciò Dio manderà una persona diversa per completare la missione del Cristo.

Questo nuovo Messia dovrà nascere sulla  terra  come  un vero uomo; dovrà avere una sposa e dei figli, diventando il vero genitore dell'umanità. Moon afferma che oggi stiamo vivendo  il tempo del secondo avvento. La  Chiesa dell'Unificazione è sicura  che il nuovo Messia è già nato tra il 1907 e il 1930. La terra da cui proviene il Messia è la Corea, ma la Nazione che  ha un posto essenziale nel compimento del piano di  Dio è  l'America  del  Nord. Chi è allora il Messia? Moon non lo dice espressamente, ma si  capisce chiaramente che  il nuovo Messia destinato da Dio e portare completamente il Regno di Dio sulla terra, dando agli uomini la salvezza spirituale e fisica, è proprio lui, il Reverendo Moon. La chiesa di Moon, nel 1977,  è stata definita non cristiana dal Consiglio Nazionale delle Chiese degli Stati Uniti.

Moon fa largo uso della Sacra Scrittura, ma non si rifà alla tradizione cristiana, ma alla particolare rivelazione che egli afferma di aver ricevuto. La Bibbia è interpretata secondo i "Principi Divini". Nella concezione dell'Unificazionismo, Dio crea l'uomo  non  liberamente, ma per  bisogno, perché senza l'uomo Dio sarebbe infelice. Inoltre Moon nega tutti i dogmi fondamentali del Cristianesimo: nega la Trinità; l'Incarnazione del figlio di Dio; nega che Gesù sia risorto con il suo corpo: la sua risurrezione è solo spirituale ed egli è oggi nel mondo spirituale senza il suo corpo che si è dissolto alla morte come quello di tutti gli altri uomini. La Chiesa dell'Unificazione afferma che Gesù non ha portato agli uomini la rivelazione definitiva che invece è stata portata del Reverendo Moon.

La morale dell'Unificazionismo mostra poi alcuni aspetti difficilmente compatibili con la morale cattolica, anzitutto la svalutazione del celibato consacrato per il regno dei cieli. Ma soprattutto l'interpretazione della divinità di Gesù Cristo, l'assenza  della devozione alla Madonna e l'assenza dei Sacramenti sono incompatibili con la fede cattolica.

Riguardo poi alla organizzazioni scientifiche, giornalistiche o politiche che ricevono dalla Chiesa dell'Unificazione ingenti aiuti economici, ma che riuniscono i propri aderenti sulla base di fini culturali e politici e non in base alla simpatia per la Chiesa di Moon, è ovvio che tali organizzazioni debbano essere valutate alla luce dei loro programmi, delle loro pubblicazioni ed attività, e non solamente per il loro legame originario dell'Unificazionismo. La Chiesa di Moon rappresenta una notevole sfida per il Cattolicesimo. E' paradossale che proprio negli Stati Uniti dove la morale sessuale cattolica viene messa in discussione perché non corrisponderebbe più alla sensibilità dei giovani, migliaia di universitari si convertano al Moonismo che sottolinea con enfasi il valore della castità prematrimoniale.

Moltissimi cattolici hanno oggi abbandonato l'uso dei sacramentali, ad esempio l'acqua benedetta, per timore di apparire anacronistici, invece un buon numero di giovani universitari della buona borghesia americana utilizza il sale benedetto e le candele rituali della Chiesa dell'Unificazione. In conclusione Moon con l'intenzione originaria di unire le Chiese cristiane in vista dell'avvento del Regno di Dio, ha dato luogo ad un'altra Chiesa, e così contribuisce alla divisione e frammentazione del Cristianesimo. Come cattolici siamo perplessi su un movimento religioso che per unire le Chiese si pone al di sopra delle Chiese e  si fa forte di una nuova rivelazione che non è assolutamente cristiana.

Don Marcello Stanzione

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 53033
Notizie: 2803
Collegamenti web: 36
Visitatori: 168624869

Feed Rss