Menu Content/Inhalt
Home Page arrow News dal Vaticano arrow Il Papa in Israele, pellegrino di pace e promotore del dialogo tra le tre grandi fedi
Il Papa in Israele, pellegrino di pace e promotore del dialogo tra le tre grandi fedi PDF Stampa E-mail

Il Papa in Israele, pellegrino di pace e promotore del dialogo tra le tre grandi fediIl dialogo con l’Islam deve avvenire “senza riluttanza e ambiguità”. E la Chiesa è “irrevocabilmente impegnata sulla strada decisa dal Vaticano II per una autentica e durevole riconciliazione tra cristiani ed ebrei”. Lo aveva preannunciato, Benedetto XVI, che sarebbe andato in Israele come “pellegrino di pace”. E il viaggio, calibrato in maniera precisa, con una permanenza iniziale di tre giorni in Giordania e poi la seconda parte in Israele, è la prova del messaggio che il Papa vuole dare. E cioè che la strada del dialogo tra le tre grandi religioni sia non solo possibile, ma anche necessaria. Ha spiegato il Papa ad Amman, nell’incontro con i capi religiosi musulmani: “Non possiamo essere preoccupati per il fatto che oggi, con insistenza crescente, alcuni ritengono che la religione fallisca di essere per sua natura, costruttrice di unità e di armonia, un’espressione di comunione fra persone e con Dio”. “Si dà il caso – ha aggiunto però  il Papa - che spesso sia la ...

... manipolazione ideologica della religione il catalizzatore reale delle tensioni e delle divisioni e, non di rado, anche delle violenze nella società”.

Così, i primi tre giorni di viaggio sono stati dedicati al dialogo con l’Islam, tenendo ben presente le profonde radici ebraiche del cristianesimo. E gli ultimi giorni del viaggio rinsaldano il rapporto con gli Ebrei, senza trascurare però il rapporto con l’Islam. La sfida è di “coltivare per il bene, nel contesto della fede e della verità, il vasto potenziale della ragione umana”. E la ragione pone la sfida di “oltrepassare i nostri interessi particolari e incoraggiare gli altri a fare lo stesso, al fine di assaporare la soddisfazione profonda di servire il bene comune”.

È un dialogo interreligioso, che ma che si agisce nella cultura, perché – ha spiegato Benedetto XVI a Gerusalemme – “la fede è sempre vissuta in una cultura”.

L’avvento della pace, per il Papa, è indissolubilmente legato a quel "cercare Dio" che era già stato il tema dominante del suo discorso di Parigi al mondo della cultura. E il tema della sicurezza, nevralgico per Israele,  Benedetto XVI lo incardina sulla parola biblica "betah", che vuol dire sì sicurezza ma anche fiducia: e l'una non può stare senza l'altra.

È questo il principio su cui basare il dialogo tra religioni, difficilissimo a livello teologico (perché ogni religione presuppone una verità), ma possibile e opportuno se si svolge a partire dalla ragione e con fiducia reciproca.

di Andrea Gagliarducci

 
< Prec.   Pros. >

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 51667
Notizie: 2731
Collegamenti web: 36
Visitatori: 147998913
Abbiamo 1 visitatore online

Feed Rss