Menu Content/Inhalt
Home Page
Conversazione sugli Angeli con don Marcello, massimo Angelologo vivente! Di Tonino Luppino
Conversazione sugli Angeli con don MarcelloIncontro don Marcello Stanzione, il parroco “circondato dagli Angeli”, che ho avuto la fortuna di conoscere, lo scorso anno, alla dodicesima edizione del Meeting degli Angeli, in una splendida giornata di sole di questo mese di febbraio, non proprio “corto e amaro” come si diceva una volta!

Nello spazio della parrocchia di Santa Maria La Nova, che guida da 27 anni, cioè da quando è stato ordinato sacerdote, facciamo una bella passeggiata! Mi fa vedere l’Oasi di San Michele Arcangelo, dove si accolgono pellegrini e turisti e si tengono campi scuola, esercizi spirituali e convegni. ...
 
Leggi tutto...
 
LA GRIBAUDI STAMPA UN LIBRO SU TERESA NEUMANN di Cosimo Cicalese
TERESA NEUMANNAgli inizi del 2017 l’editrice milanese Gribaudi ha inviato in tutte le librerie cattoliche d’Italia un libro sulla mistica Teresa Neumann scritto da don Marcello Stanzione. Nel  1939,  subito  dopo  l’inizio  della  seconda  guerra  mondiale,  a  tutti  i  tedeschi  fu  distribuita  una  tessera  annonaria e  il  razionamento  del  cibo    durò addirittura   fino  al  1948!   In  quei  nove  anni  un  solo  cittadino  anzi  una  cittadina  non  ebbe  il  diritto  a  quella  tessera:  le  era  stata  ritirata  con  la  precisa  motivazione  che  non  ne  aveva  bisogno,  visto  che  non  mangiava  e  non  beveva  nulla. Le fu concessa invece una doppia razione di detersivi per lavare la biancheria che ogni venerdì innondava di sangue.  Così  anche  la  pesante   burocrazia  del  Terzo  Reich  nazista  rendeva  testimonianza,  suo  malgrado,  della  verità  di  uno  dei  casi  più  clamorosi  della  storia:  il  caso  della tedesca  Teresa  Neumann di  Konnersreuth   che  per  trentasei  anni  interrotti si  è  nutrita  solo    di  Eucarestia: e ogni  settimana, dalla notte  del  giovedì  sino  al  mattino  della  domenica,  riviveva  nella  sua  carne  tutto  il  mistero  della  passione-morte-risurrezione  di  Gesù. Lo stesso Hitler aveva un timore superstizioso della donna e durante la sua dittatura non le creò fastidi.  Teresa  Neumann è morta  nel  1962  a  sessantaquattro anni a causa di un infarto e da qualche anno è in corso il processo di beatificazione.  ...
Leggi tutto...
 
LA SUGARCO STAMPA LIBRO SU URIELE, L’ARCANGELO SCOMPARSO di Annamaria Maraffa
URIELE L’ARCANGELO SCOMPARSOLa celebre casa editrice milanese Sugarco da diversi anni  è impegnata ad offrire libri di qualità sulla tematica angelologica , dopo aver stampato testi sugli arcangeli Michele e Gabriele adesso presenta un testo sull’Arcangelo Uriele ad opera di don Marcello Stanzione e dell’avvocato Carmine Alvino. Di Uriele diversi mistici cattolici ne hanno parlato.  “… S. Uriele Arcangelo che avete sorteggiato, abbiatelo assai caro. È il quarto dei sette che stanno alla Divina Presenza … quest’ Arcangelo è tra i serafini e brucia di un fuoco tutto particolare di Divino Amore … domandategli l’ardente amore a Gesù Sommo Bene, prendetelo in compagnia nella S. Comunione …”, con queste parole Sant’Annibale Maria di Francia, celebre fondatore dell’Ordine dei Rogazionisti e delle Apostole dello Zelo Divino, in una lettera datata Messina 6.3.1912 comandava alle proprie figlie spirituali di pregare S. Uriele per ricevere la sua protezione celeste.  Peraltro nei secoli è emersa la circostanza che pure S. Isidoro di Siviglia, nel settimo libro delle sue etimologie lo riconoscesse tra gli Arcangeli perchè: “ Uriele si interpreta Fuoco di Dio, così come leggiamo di quel  fuoco apparso nel roveto”  e tale sentimento risultò condiviso da Sant’Ambrogio, nel suo trattato sulla Fede all’Imperatore Graziano : ”  l’Angelo non è immortale per natura, la sua immortalità è nella volontà del Creatore. Né che tu tragga a precedente, che non muore Gabriele, non muore Raffaele, non muore Uriele …” nonché  con le stesse parole da San Bonaventura nel Centiloquio e da San Bernardino da Siena in un sermone sugli Angeli: ” Uriele, si interpreta splendore di Dio, visione di Dio, o Fuoco di Dio o Incendio di Dio“ perchè “ per il suo ministero siamo illuminati dalla verità e siamo infiammati dalla carità …“. ...
Leggi tutto...
 
VOI, ANGELI DI DIO di Arnoul Guillet
VOI, ANGELI DI DIO  di Arnoul GuilletSiete stati testimoni della nostra redenzione. Quando l’arcangelo annunciò alla Beata Vergine Maria, su ordine dell’Altissimo, che avrebbe concepito un bambino e partorito un figlio maschio, siete stati i primi testimoni dell’incarnazione di Cristo. Giunta l’ora, Maria partorì il Figlio di Dio in una stalla di Betlemme e uno di voi apparve ai pastori e annunciò loro la Buona Novella. E all’improvviso apparve la vostra schiera, avvolta nella magnitudine dei Dio, e canti di giubilo riempirono l’universo. Quando Re Erode volle contrastare i progetti di Dio e uccidere il Bambino, uno di Voi apparve in sonno a Giuseppe e sotto la protezione delle Vostre ali la Sacra Famiglia riuscì a fuggire in Egitto. Quando Erode morì, uno di Voi diede ordine a Giuseppe ancora una volta in sonno, di tornare a Israele e di stabilirsi a Nazaret. Prima di presentarsi in pubblico, Gesù passò quaranta giorni nel deserto praticando il digiuno, e Voi foste così contenti quando Gesù resisté tre volte alle tentazioni di Satana. non poteste fare altro che avvicinarvi e servirlo. Nell’uliveto, quando Gesù, prima dell’amara Passione e della morte, avvertì che il peso dei peccati del mondo intero stava per logorarlo, dai suoi pori uscì sudore di sangue e nell’agonia pregò il Padre di far passare oltre quel calice. Il Padre non esaudì la sua preghiera, ma mandò uno di Voi a infondergli la forza. Gesù crocefisso giacque tre giorni nel grembo della terra e il terzo giorno, quando vinse la morte, Voi avete annunciato la novella della sua risurrezione alle donne. ...
Leggi tutto...
 
L’EDITRICE SEGNO PUBBLICA 365 GIORNI CON SAN GIOVANNI D’AVILA di Annamaria Maraffa
San Giovanni D'AvilaGiovanni d’Avila è un sacerdote di oltre 500 anni fa ma che è un grande modello per i preti e i laici cristiani di oggi, per questo l’editrice Segno di Udine ha stampato il libro curato da don Marcello Stanzione e intitolato “ 365 giorni con san Giovanni d’Avila” . Il santo vissuto nel secolo d’oro spagnolo era un grande conoscitore della Bibbia, dei Padri della Chiesa, dei teologi scolastici e degli autori del suo tempo. Studiò e diede diffusione alla dottrina del Concilio di Trento con l’obbiettivo di ostacolare il cammino delle opinioni dei riformatori protestanti di cui era accorrente e che spesso cita nelle sue opere per fare apologia della fede cattolica. La sua biblioteca era molto ben fornita, e dedicava allo studio, sempre indirizzato alla predicazione alla direzione spirituale, varie ore al giorno. I presbiteri, i seminaristi e i laici cattolici impegnati del ventunesimo secolo troveranno in San Giovanni d’Avila un modello del vero apostolo, un esempio vivo della carità pastorale vissuta quotidianamente nell’esercizio del sacro ministero. Egli come criterio di discernimento nei candidati al sacerdozio indica lo spirito di povertà e dei preti dice che sono i padri dei poveri. Richiama l’attenzione dei governanti perché evitino spese superflue ed inutili e diano occupazione a tutti preoccupandosi in modo particolare dei poveri. ...
Leggi tutto...
 
MONDO CATTOLICO E ANGELI di don Marcello Stanzione
MONDO CATTOLICO E ANGELISan   Bernardo è il grande diffusore della devozione all’angelo custode col quale egli familiarizza il mondo cattolico, abituandolo a vivere sotto lo sguardo dei beati spiriti. E’ dalle innumerevoli fondazioni cistercensi che questa idea si espanderà in Europa. Egli riassumerà la sua dottrina con quella bella formula che impiegava frequentemente coi suoi monaci : “Non fate mai davanti agli angeli quello che non fareste davanti a Bernardo !”.
         Nello stesso tempo che egli sviluppa nel De consideratione e nei suoi sermoni la sua angelologia, l’abate di Chiaravalle dichiara, modesto : “Io conosco bene i loro nomi, ma è forse tutto quello che so di essi !” (Sermone per la festa di San Martino).
         Ma Bernardo ne sa ben di più che la sua umiltà non lo spinga a confessare. E’ tutta una angelologia coerente che egli dispensa.
         Secondo lui, gli abitanti della Gerusalemme celeste sono gloriosi, beati, distinti, stretti secondo la loro dignità. Eterei di corpo, impassibili, immortali. La loro santità è senza difetto, la loro dolcezza incomparabile, la loro castità perfetta, la loro pace totale. Essi servono la gloria e la lode di Dio. Intermediari tra Cristo e le anime, gli angeli non s’interpongono ma mostrano Dio all’uomo con dei “graziosi simboli”. ...
 
Leggi tutto...
 
LA PRESENZA DEGLI ANGELI NELLA CHIESA NASCENTE di don Marcello Stanzione
LA PRESENZA DEGLI ANGELI NELLA CHIESA NASCENTENel giorno dell’Ascensione, si è reso necessario che gli angeli scuotessero gli apostoli, colpiti da stupore, e che rimanevano a guardare il cielo dove era sparito Gesù. Ma la loro incertezza non è stata di lunga durata, Confortati dalla venuta dello Spirito Santo, i discepoli che, due mesi prima, si nascondevano paurosamente, avendo bloccato tutte le porte del loro rifugio e pensando solamente a far dimenticare i loro legami con il Galileo, vanno sulle pubbliche piazze ed arringano la folla.
 
        Rovesciamento di situazione che assidera le autorità ebraiche. Il 9 aprile quando le guardie poste in funzione davanti alla tomba del Crocifisso erano venuti a fare il loro rapporto, spiegare che un angelo aveva fatto saltare la pietra dell’entrata dopo averli atterrati, e che il cadavere che essi dovevano sorvegliare era sparito, il Sinedrio si era accontentato di pagare questi uomini perché tacciano, ingiungendo loro, se le autorità romane li interrogavano, di rispondere che si erano addormentati e che i discepoli avevano approfittato del loro sonno per rubare il corpo. ...

Leggi tutto...
 
GUERRA SPIRITUALE ED IL MINISTERO DEGLI ANGELI di Ed Robert
GUERRA SPIRITUALE ED IL MINISTERO DEGLI ANGELI La vita cristiana è stata paragonata a tante cose. L’apostolo Paolo la paragona ad una corsa (I Corinzi 9:24), ad una lettera (II Corinzi 3:1-3). Egli la paragona anche ad un fondamento sul quale costruire (I Corinzi 3:10-14) e ad una lotta (II Timoteo 2:5).
 
Un buon soldato di Gesù Cristo
 
Comunque, forse la metafora più comune per descrivere la vita cristiana è q    uella della guerra. Per esempio, nella Seconda Lettera a Timoteo 2:3-4 Paolo dice: Sopporta anche tu le sofferenze, come un buon soldato di Gesù Cristo. Uno che va alla guerra non s’immischia in faccende della vita civile, se vuol piacere a colui che lo ha arruolato.
Una breve analisi dei due versi ci rivela alcune cose importanti che riguardano la guerra spirituale:
1.    Noi siamo soldati al servizio di Gesù. ...

Leggi tutto...
 
ADAMO ED EVA E GLI ANGELI BUONI E CATTIVI di don Marcello Stanzione
ADAMO ED EVA E GLI ANGELI BUONI E CATTIVI Secondo un’antica tradizione biblica sulla storia della creazione, Dio plasma Adamo dalla terra umida e gli soffia nel naso l’alito di vita. Nell’Eden Dio fa crescere un giardino con alberi «belli da vedere e buoni da mangiare». Al centro sono l’albero della vita e l’albero della conoscenza del bene e del male. in questo giardino Dio pone Adamo ordinandogli di non mangiare dell’albero della conoscenza, altrimenti dovrà morire. Poiché «non è bene che l’uomo sia solo», Dio plasma gli animali dal suolo e li conduce ad Adamo perché dia loro un nome. «Ma per l’uomo non si trovò alcun aiuto che gli stesse vicino». Così Dio forma la donna, Eva, dalla costola di Adamo e la conduce allo stesso Adamo. «Allora l’uomo disse: questa è ossa delle mie ossa e carne della mia carne». Sedotta dall’astuto serpente, Eva, contro il comando di Dio, mangia il frutto dell’albero della conoscenza e ne dà anche ad Adamo. Di conseguenza i due si rendono conto di essere nudi. Si coprono con foglie di fico e si nascondono da Dio. Dio maledice il serpente, condanna Eva alle doglie del parto e Adamo al sudore del lavoro. Con la spada fiammeggiante i cherubini custodiscono l’accesso all’albero della vita. Secondo una tradizione più recente, i primi uomini sono creati il sesto giorno, dopo le piante e gli animali, come uomo e donna e a immagine di Dio. La terra e gli animali devono essere sottomessi all’uomo, le piante sono il suo nutrimento. I figli di Adamo e Eva sono Caino e Abele, e più tardi anche Set. Adamo muore all’età di 930 anni. ...
Leggi tutto...
 
Giustizia: la resurrezione di “don Marcello” … benedetto dagli Angeli
Don Marcello Stanzionedi Aldo Bianchini, il Quotidiano di Salerno
 
SALERNO – Sono cose che capitano !! dicono in tanti quando si riferiscono ad “accadimenti giudiziari” che riguardano gli altri. Quante e quante volte abbiamo ascoltato, in tutte le salse, questa considerazione che rimane assolutamente magra per chi ha vissuto sulla propria pelle un’accusa falsa ed infamante. Soprattutto quando a vivere momenti di assoluto sconforto e di solitudine è un sacerdote; mi riferisco ovviamente a “don Marcello Stanzione”, parroco della Chiesa Santa Maria La Nova di Campagna e notissimo angelologo a livello internazionale, per non dire mondiale. “don Marcello” è, tra l’altro, autore di numerosissime opere incentrate tutte sul fenomeno degli angeli e della percezione della loro presenza tra di noi. ...
Leggi tutto...
 
Il diavolo ha paura di me: Don Gabriele Amorth di Andrea Coco
Il diavolo ha paura di meNon facile parlare di Padre Gabriele Amorth (1925 - 2016) , conosciuto per essere stato il più famoso degli esorcisti , nonché il fondatore dell ' Associazione Internazionale degli Esorcisti (di cui è stato Presidente onorario).
Perché il suo operato rientra nella categoria degli atti di fede. O si crede a quanto ha operato (decine di migliaia di esorcismi) oppure non si crede affatto. Non c'è una via di mezzo, una zona grigia, la sua attività ha diviso l'opinione pubblica come lo stesso mondo cattolico. ...

Leggi tutto...
 
Il vescovo certifica l’innocenza del prete
Il vescovo certifica l’innocenza del preteLa lettera di monsignor Moretti ai fedeli di Campagna per mettere fine alle illazioni su don Marcello
 Dal quotidiano La città del 03 gennaio 2017
 
CAMPAGNA. «Don Marcello Stanzione esercita regolarmente la carica di parroco ed provvisto di tutte le facoltà annesse al suo ministero sacerdotale». ...
Leggi tutto...
 
CHE COSA SIGNIFICANO OGGI PER NOI GLI ANGELI? di John A.T. Robinson
CHE COSA SIGNIFICANO OGGI PER NOI GLI ANGELIIl “ New Christian”, questo enfant terrible della stampa cristiana in Inghilterra, ha celebrato il suo primo compleanno con un “ editoriale” in cui diceva che ormai per gli angeli è venuto il momento di andarsene: “ Sarà tanto di guadagnato il giorno in cui spariranno dai pulpiti, dai corsi domenicali di catechismo e dalla liturgia”. L’editoriale ha provocato più lettere di qualsiasi altro articolo del “ New Christian”.  Se vogliamo essere onesti: almeno una buona parte della nostra persona, in ciascuno di noi, può solo concordare con quell’articolo. Per molti cristiani  gli angeli sono solo un’aggiunta alle altre fantasia, alle altre irrealtà che avvolgono la Buona Novella cristiana. Ben lontani dal rendere più reale la Fede, la fanno più remota, eterea, irreale. Non so proprio come si possa dire qualcosa di diverso. ...
Leggi tutto...
 
IL PARADISO DI CRISTO E GLI ANGELI Di GARCIA COLOMBAS OSB
IL PARADISO DI CRISTO E GLI ANGELI“Era desiderio del Creatore fare tutto il necessario affinché l'uomo vivesse felice. L'uomo doveva vivere senza impegno: Dio faceva tutto, ordinava tutto. L'esistenza dell'uomo doveva essere fortunata, dando continue grazie a Dio, comunicando felicemente con Dio, facendo di Dio la sua sola felicità. Al Signore piaceva l'accordo con l'uomo, dato che il suo cuore lo aveva plasmato a suo piacere. Questo accordo era benefico per Dio e per l'uomo.[1] Tale era il fine della creazione. Dopo il peccato tutto cambiò. Però una sensazione di insoddisfazione ha persistito in fondo al cuore di Dio e nel profondo del cuore dell'uomo.”[2] per questo l'uomo cercò Dio, e Dio cercò l'uomo. ...
Leggi tutto...
 
CHANNELLING E ANGELI: L’INGANNO NEW AGE di don Marcello Stanzione
CHANNELLING E ANGELI: L’INGANNO NEW AGEDiverse correnti di esoteristi si interessarono agli angeli in Europa nei secoli scorsi e si interessano di essi oggi specialmente negli Stati Uniti. Dal XIV al XVI secolo, particolarmente in Boemia ed a Praga, si sviluppò la Cabala cristiana i cui principali maestri furono Reuchlin ed il famoso Cornelio Agrippa. Questo cabalismo cristiano sognava la pietra filosofale, una magia, una scienza occulta così potenti che permetterebbero di dominare tutte le forze dell’Universo. Se ci si ricorda delle devianze condannate nel Concilio di Laodicea, è facile comprendere quale posto hanno gli angeli in questo universo. Si tratta del tutto semplicemente di una risorgenza della magia operante attribuita ai nomi angelici portatori di virtù segrete ed associati alla numerologia : quella stessa che fece vietare dalla Chiesa l’uso dei nomi angelici oltre a quelli di Michele, Gabriele e Raffaele, tutti gli altri essendo suscettibili di invocare i demoni. ...
Leggi tutto...
 
FRATEL REMO DI GESU’ E LA LEZIONE SUGLI ANGELI
FRATEL REMO DI GESU’ E LA LEZIONE SUGLI ANGELIIL MONDO SPIRITUALE

Nel “Credo” che si dice o si canta nella Messa, professiamo che Iddio è creatore delle cose visibili e e invisibili: visibilium omnium et invisibilium. Dunque Dio ha fatto due mondi che dobbiamo conoscere: uno materiale; l’altro spirituale; uno visibile e tangibile; l’altro , invisibile e impalpabile. Il primo mondo ci presenta la terra, gli astri del cielo; e sulla terra, pietre, piante, animali, uomini… Oggi faremo un viaggio nel mondo spirituale e invisibile. Ma, se non si vede e non si tocca, come sappiamo che c’è? Neppure l’anima nostra si vede  né si tocca; eppure sappiamo di averla; neppure l’intelligenza, il giudizio, l’affetto per i genitori, la bontà, la cattiveria si vedono; eppure sappiamo che ci sono. E noi sappiamo che c’è un mondo invisibile, perché ce l’ha detto Dio stesso. E in questo mondo c’è Iddio, ci sono gli Angeli, c’è il Paradiso…

ANGELI: CREAZIONE

Oggi faremo conoscenza cin gli Angeli. Saliremo, forse, sopra un aeroplano o sopra un missile per raggiungerli? No, né gli aeroplani né i missili arrivano in Paradiso. Saliremo, invece, con le ali...
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 16 di 19

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Stemma M.S.M.A.

Clicca qui per scaricare il nostro Stemma!

Statistiche Sito

Utenti: 43379
Notizie: 2506
Collegamenti web: 36
Visitatori: 58966168
Abbiamo 2 visitatori e 2 utenti online

Feed Rss