Menu Content/Inhalt
Home Page arrow San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo
L'8 Maggio: apparizione di San Michele al Gargano. Bugnini inspiegabilmente l’ha declassata! PDF Stampa E-mail

L'8 Maggio: apparizione di San Michele al Gargano. Bugnini inspiegabilmente l’ha declassata!In moltissimi paesi specie dell’Italia meridionale l’8 maggio si festeggia ancora con grande partecipazione di popolo la festa dell’Apparizione di san Michele al monte Gargano in Puglia. Dopo la riforma liturgica del Vaticano II che ha scontentato tutti, purtroppo la festa dell’8 maggio che per secoli aveva avuto un carattere universale è stata ridotta per colpa di Mons. Annibale Bugnini e del suo staff di pseudoliturgisti a semplice memoria locale della Chiesa Sipontina “Gelasio autem primo Pontefice Maximo, in Apulia, in vertice Gargani montis, ad cujus radices incolunt Sipontini, Arcangeli Michaèlis fuit illustris apparitio” (Sotto il pontificato di Gelasio I, in Puglia, sulla vetta del Monte Gargano, alle cui radici abitano i Sipontini, avvenne la celebre apparizione di S. Michele Arcangelo). Così il Breviario Romano dell’Ufficio Divino dell’8 Maggio  iniziava con tono solenne il racconto dell’apparizione sul Gargano dell’Arcangelo Michele. In verità il 490, anno in cui si suole comunemente ... 

Leggi tutto...
 
L'apparizione di San Michele a Licata PDF Stampa E-mail

L'apparizione di San Michele a Licata

L'Italia che, fin dal 1° secolo dell'era cristiana, ha il privilegio - purtroppo ben mal compreso oggidì - di avere il governo supremo della Chiesa, ed il cui suolo è tutto impregnato del sangue dei martiri, doveva avere, ancor meglio che la Francia, delle note visibili, meravigliose, della protezione speciale di San Michele. Dopo le sue apparizioni sul monte Gargano ed a Roma il glorioso Principe degli Angeli appariva in Sicilia (1624) a Licata, per esaudire le preghiere di un umile religioso dell'ordine di San Francesco d'Assisi. Nel monastero di Licata, fra Francesco copriva la carica di infermiere. Dolce, fervente, osservante della regola, egli curava i suoi ammalati con devozione e carità. Una sera, verso le dieci, nel mentre recitava nel coro la sue abituali preghiere, si ricordò di aver dimenticato di far riempire un modulo del medico, rimedio urgente per un religioso molto malato.

Leggi tutto...
 
L'apparizione di San Michele sul Monte Gargano PDF Stampa E-mail

Apparizione di San Michele sul Monte GarganoI primi cristiani fecero certamente ricorso, nelle loro preghiere, all'intercessione degli spiriti celesti, come lo attestano le più antiche liturgie ed i Padri della Chiesa. "Gesù Cristo ed i santo Angeli ci assistano in tutte le nostre azioni", scriveva il martire Nemesio ed i suoi compagni a San Cipriano. "Prego i buoni Angeli di ricevere l'anima mia nell'ora della mia morte", diceva San Gregorio di Nazianzio. Ma non vi fu nessuna festa in onore degli spiriti beati, durante i primi quattro secoli dell'era cristiana, ossia fino a che il il Cielo diede esso stesso il segnale di un culto pubblico e solenne, con un'apparizione dell'Arcangelo San Michele. Questa apparizione ebbe luogo l'8 maggio 492, sotto il pontificato di Gelasio I, sul monte Gargano, oggi Sant'Angelo, nel regno di Napoli. Un ricco abitante di Siponto aveva le sue greggi sui fianchi del monte Gargano. Un giorno, nascondendosi all'occhio dei bovari, un toro scomparve. Dopo molte ricerche, lo si ritrovò infine sulla cima più scoscesa ...

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo dei Monti e delle Vette PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo dei Monti e delle Vette

Fino all'inizio del VII secolo, il Monte Sant'Angelo è il santuario per eccellenza di San Michele, e ci si celebra la sua festa il 3 maggio. L'arcangelo si è pertanto mostrato con splendore a Roma, nell'anno 590. la peste fa strage nella Città, decimando la popolazione - ad iniziare dal pontefice regnante - Pelagio II - ed isolando dal resto del mondo il centro della cristianità. Il nuovo papa, Gregorio, che si chiamerà Magno, ricorre ai mezzi provati: egli invita il popolo ad un triduum di preghiera chiuso da una processione penitenziale di cui lui stesso prende la testa, portando in alto l'icona della Vergine dipinta da San Luca, che si conserva nella Basilica della Madonna della Neve (oggi Santa Maria Maggiore) e che si venera sotto il titolo di Salus populi romani. Come la processione giunge sulle rive del Tevere, i fedeli, sorpresi, poi meravigliati, si mettono a guardare il cielo che si è subitaneamente illuminato:

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo della buona morte PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo della buona morteUn apostolo di San Michele, l'abate Fierville, canonico di Bayeux, morì, o piuttosto ad addormentarsi piamente nella pace del Signore, per risvegliarsi nella gloria eterna, in compagnia degli Angeli di cui era stato sulla terra un devotissimo servitore. Prendiamo le considerazioni successive dal suo bel mese a San Michele. "Ispirandosi a Sant'Agostino, l'abate Soyer fa giudiziosamente notare che un'anima perduta o dannata è come una sconfitta per San Michele, ed una vittoria definitiva per lo Spirito maligno. Anche un grande vescovo egli disse, parlando della nostra morte, che essa è una lotta tra San Michele ed il demonio, che l'Arcangelo raddoppia gli sforzi per respingere gli attacchi del nemico della nostra salvezza, poiché egli ama le nostre anime e sa che gli eletti contribuiscono in cielo alla gloria di Dio.

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo Michele e la Francia PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo Michele e la FranciaAd ogni nazione, come ad ogni individuo, Dio ha dato un Angelo tutelare, un Angelo per guidarlo, illuminarlo nel suo cammino attraverso i secoli; sostenerlo, proteggerlo nelle sue lotte con gli altri popoli, finché essa rimane fedele alla sua missione provvidenziale. Tale è l'insegnamento dei Padri della Chiesa e della Sacra Scrittura. Chi è dunque l'Angelo custode della Francia? E' San Michele, principe delle falangi celesti e glorioso vincitore di Lucifero. Come Dio aveva una volta scelto gli Ebrei in mezzo alle nazioni pagane, per conservare e difendere, sotto l'egida di San Michele, la gloria del suo nome; così ha eletto il popolo Franco per essere, in mezzo alle nazioni cristiane e sotto gli auspici del grande Arcangelo, lo scudo e la spada della sua Chiesa.

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo Michele ed i fiori PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo Michele ed i fioriNon farò la storia dell’Arcangelo San Michele, ma la sfioreremo con un episodio intrinseco ed estrinseco allo stesso tempo. A fine mese d’Aprile, un signore di Torino, il dott. Marcello Perotti, grande devoto di san Michele e degli spiriti celesti, siccome io e il nostro Assistente spirituale dell’Associazione Milizia di San Michele Arcangelo don Marcello Stanzione  stiamo per scrivere un nuovo libro- calendario di pensieri angelici giornalieri e piante o fiori ci chiede a bruciapelo: “ Ma qual è il fiore di San Michele?”. Immaginatevi lo spiazzamento che ci provoca questa curiosità. Attiviamo il nostro sensore e facciamo una scoperta che ha dello strabiliante: il Narciso bianco e tutta la famiglia delle Amarillidacee in generale, ivi compresa la sua espressione più semplice e genuina, il Bucaneve. Non mi soffermo sul miracolo dei Monti Faliesi, ma sui fiori che ritengono la nostra attenzione per l’inerenza al tema che verrà trattato nel corso di questo Convegno. Il Bucaneve, simbolo ... 

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo Michele nella Sacra Scrittura PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo Michele nella Sacra ScritturaIl 1 e 2 Giugno 2009 l’associazione dei cappellani della polizia di stato insieme all’associazione Milizia di san Michele Arcangelo organizza un convegno a Campagna (SA) per celebrare il sessantesimo anniversario di nomina di San Michele a Protettore della polizia italiana. Il nome Michele (Mikael) è l’espressione di tutta una frase ebraica che è composta da queste tre parti: Mi-Kha-El = Chi (è) come Dio? Che può essere definito come un urlo di battaglia in difesa dei diritti dell’Onnipotente Iddio. Nella nostra analisi considereremo solo i passi canonici della Bibbia dove è esplicitamente riportato il suo nome, per cui non analizzeremo gli altri brani della Bibbia dove non si parla esplicitamente dell’Arcangelo né gli scritti apocrifi. Il nome Michele appare cinque volte nella Sacra Scrittura e per la precisione tre volte nell’Antico Testamento, sempre nel Libro di Daniele e 2 volte nel Nuovo Testamento (Giuda e Apocalisse). Analizziamo brevemente questi cinque testi: ...

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo nella mia vita da ecologista PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo nella mia vita da ecologistaEsiste nella vita un punto di svolta? Un momento che, come una finestra d’improvviso aperta su un’altra insospettata dimensione, divide l’esistenza di una persona in un “prima” e in un “dopo”? Insomma, quello che nei Vangeli viene chiamata “Conversione”, che i Buddisti denominano con “Illuminazione” e che i laici, più minimalisti, indicano con la parola “cambiamento”? Esiste. Se si vuole che avvenga. Per parafrasare l’ormai celeberrimo motto di Obama “Yes, we can”. Se lo vogliamo. E volerlo non significa mettere in campo una volontà solo razionale di voltare pagina, con una decisione squisitamente volitiva – che sottende comunque e sempre una volontà di potere… Significa ascoltare il desiderio profondo del proprio essere di ritrovare l’armonia perduta con il cosmo, vuol dire abbandonarsi consapevolmente alle forze superiori. Come mi disse molti anni fa a Parigi una contadina bretone di nome Yvonne, divenuta una celebre Veggente dopo una grave ...

Leggi tutto...
 
L'Arcangelo nella tradizione ebraica, cristiana, islamica PDF Stampa E-mail

L'Arcangelo nella tradizione ebraica, cristiana, islamicaL’angelo di Jahve, che in Zaccaria 3, 1-2 si oppone a Satana, riceve il nome di Michele, ma diventa pure il protettore del popolo del Signore, come ben appare nella visione del profeta Daniele (Dn 10, 13). L’Apocalisse di Giovanni si rifà a questa concezione: Michele e gli angeli che stanno dalla sua parte cacciano Lucifero, nelle sembianze di drago, dal cielo. Michele ha in mano le chiavi dell’abisso (Ap 12, 7-9; 20, 1ss.). La lettera di Giuda cita uno scritto apocrifo, secondo il quale Michele, avrebbe lottato con il diavolo per impossessarsi del cadavere di Mosè (Gd 9). Su queste affermazioni della Sacra Scrittura germogliarono le tre tradizioni. TRADIZIONE EBRAICA “Secondo l’ebraismo, Michele è mediatore tra Dio e gli uomini. In alcuni episodi del Primo Testamento il suo nome è stato inserito in un periodo successivo. Con Gabriele e un altro angelo, Michele ha visitato Abramo dopo la sua circoncisione, annunciandogli la nascita di Isacco; è intervenuto in seguito per impedire il sacrificio del figlio. ... 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 41 - 50 di 122

Traduttore

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian Afrikaans Malay Swahili Irish Welsh Belarusian Icelandic Macedonian

Statistiche Sito

Utenti: 51585
Notizie: 2716
Collegamenti web: 36
Visitatori: 141514514
Abbiamo 1 visitatore online

Feed Rss